Home / Coronavirus / Coronavirus, boom di vendite di integratori alimentari negli USA per difendersi dal Covid-19. Ma non ci sono prove di efficacia

Coronavirus, boom di vendite di integratori alimentari negli USA per difendersi dal Covid-19. Ma non ci sono prove di efficacia

Healthy vitamin supplements on black spoons against pink color backgroundGli americani, si sa, vanno pazzi per gli integratori vitaminici e di altro tipo. Ma ora la situazione sta assumendo proporzioni allarmanti, perché tutti cercano in questi prodotti qualcosa che li aiuti a difendersi dal coronavirus. Ne parla il New York Times, con una panoramica che fa capire molto bene a quali rischi si stiano esponendo molti cittadini. Perché gli integratori non solo non aiutano contro il Covid-19 (nessuno ha mai dimostrato una qualche attività di questo tipo, né profilattica né terapeutica), ma possono essere anche pericolosi.

Negli Usa è in corso una fantasiosa ricerca di un salvavita, si passa dagli sciroppi di sambuco all’argento colloidale, dall’olio di origano alla kombucha, passando per ogni possibile miscela di erbe e vitamine, meglio se preparate direttamente dai farmacisti e dagli erboristi. “I numeri che stiamo vedendo sono senza precedenti” ha affermato al giornale Joan Driggs, un’analista di IRI, una società di marketing specializzata in questo tipo di mercato che tiene sotto controllo quanto accade nelle grandi catene quali Walmarts, Walgreens, Safeway e CVS. Nella prima settimana di marzo le vendite di integratori sono infatti aumentate del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nello specifico, sono cresciute quelle di tutti i rimedi contro il raffreddore e le malattie respiratorie, con alcuni casi veramente clamorosi, come quello della vitamina C, oggetto di fake news, che ha avuto un aumento del 146%, quello dello zinco (consigliato per il raffreddore), cresciuto addirittura del 255%, quello dello sciroppo di sambuco (considerato un immunostimolante), schizzato del 415%, e quello dell’echinacea, salita del 122%; crescite significative hanno poi riguardato la vitamina D, tanto per i bambini quanto per gli adulti.

Anche se qualche studio ha dimostrato modeste attività contro il raffreddore per lo zinco se somministrato in alte dosi e per la vitamina D nelle persone con carenze, ciò non significa affatto che potrebbero avere effetto contro il Covid-19. Al contrario, troppa vitamina D può essere tossica, così come un eccesso di zinco può depauperare le riserve di rame e causare un’anemia e, in generale, moltissimi integratori possono interferire con il metabolismo di farmaci assunti per patologie croniche e a volte gravi, con esiti inattesi. Oltre a questo, per quanto se ne sa oggi, il coronavirus presenta alcune caratteristiche molto diverse da numerosi virus del raffreddore e dell’influenza, e tutto ciò che vale per queste malattie potrebbe non avere alcun effetto contro di esso.

Aumenti del tutto atipici si sono poi avuti anche per le vendite della melatonina e dei rimedi contro ansia e stress, probabilmente a causa della preoccupazione che la situazione sta causando e che sta avendo pesanti conseguenze anche sul sonno. In tutto il paese le farmacie stanno cercando di correre ai ripari, soprattutto limitando il numero di confezioni che si possono acquistare.

Woman with pills and healthy food
Gli americani stanno facendo incetta di integratori nella speranza per proteggersi dal coronavirus

La FDA, dal canto suo, sta continuando a smentire l’efficacia dei mille rimedi proposti sui social, a cominciare da quelli più pericolosi come una soluzione che, in realtà, sarebbe candeggina diluita e che potrebbe portare a gravissime conseguenze se bevuta, o l’argento colloidale, anch’esso molto pericoloso se ingerito e senza alcuna efficacia antivirale. L’agenzia ha già spedito sette lettere di richiamo ad altrettante aziende che pubblicizzano prodotti contro il coronavirus, e istituito una specifica task force che non solo effettua un monitoraggio dei siti e delle pubblicità, ma ha già provveduto a far ritirare dozzine di preparati che vantavano immaginarie qualità anti Covid-19. Accanto alla FDA si sono subito schierate le cinque principali aziende di integratori, che plaudono la lotta al far west e soprattutto lo sforzo di tutelare la salute dei consumatori.

Più che rivolgersi agli integratori – ricordano alcuni nutrizionisti intervistati dal giornale – sarebbe bene approfittare della pausa forzata per ripensare al proprio modo di mangiare e per ritrovare il gusto di un’alimentazione sana, che assicura l’efficienza delle difese immunitarie.

In Italia non ci sono dati ufficiali, ma un articolo de Il Sole 24 ore di qualche giorno fa riportava che cosa sta succedendo in una delle principali aziende di integratori italiane, la Aboca, che utilizza solo erbe biologiche. Secondo Massimo Mercati, amministratore delegato dell’azienda, le richieste di prodotti per le malattie respiratorie e per il sistema immunitario da una parte e di quelli per migliorare la qualità del sonno dall’altra stanno raddoppiando e, in alcuni casi, triplicando. Un indizio del fatto che anche gli italiani cercano aiuto negli integratori. La speranza è che si rivolgano sempre ad aziende la cui serietà è dimostrata da anni, e non ad altre.

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE SUI CASI  IN ITALIA clicca qui NEL MONDO clicca qui

SUPERMERCATI/SPESA

Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende, cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica del 20 marzo 2020

Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo del 17 marzo 2020

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

– Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

ALIMENTARI/DIETA

Pane, salumi e coronavirus: come comportarsi con questi alimenti? Le precauzioni spiegate da Antonello Paparella del 12 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR  del 12 marzo 2020

NUMERI/STATISTICHE

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

– Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

IGIENE/PREVENZIONE

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: incubazione, contagio e sintomi, l’Istituto Mario Negri risponde ai cittadini del 29 febbraio 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

VARIE /COSTUME

Panzironi: integratori contro il coronavirus. L’Agcom apre un nuovo procedimento e bacchetta La7 per le ospitate del 20 marzo 2020

La vitamina C non protegge dal coronavirus. Un’altra bufala social smontata da “Dottore, ma è vero che…?” del 20 marzo 2020

Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale del 19 marzo 2020

© Riproduzione riservata

 

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

pesticidi erbicidi campi agricoltura uomo

Via dal glifosato: esistono alternative non chimiche al controverso pesticida? La valutazione dell’Anses

Dire addio al glifosato, o quantomeno farlo diventare una presenza quasi marginale, si può, anche …