Home / Pubblicità & Bufale / Integratore alimentare: censurato Neradin dall’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

Integratore alimentare: censurato Neradin dall’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

integratore
Il presidente del Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto contrario al regolamento il telecomunicato dell’integratore alimentare “Neradin”, diffuso sulle reti Rai nel mese di giugno 2021. Nel messaggio un uomo di mezza età rivolto alla telecamera afferma: “Nell’intimità non funzionava più come prima e questo mi pesava molto…Poi ho scoperto Neradin. Con i suoi micronutrienti speciali contribuisce al mantenimento di normali livelli di testosterone. Neradin favorisce una vita attiva sotto le lenzuola

Secondo il Comitato di controllo il messaggio favorisce una decodifica ambigua sulle effettive caratteristiche e gli effetti del prodotto, in contrasto con l’art. 2 del Codice La pubblicità attribuisce a Neradin una funzionalità che trascende gli effetti riconoscibili a quelli abitualmente assegnati a un integratore alimentare. Nonostante nella pubblicità sia indicata correttamente la natura del prodotto, la criticità nasce quando l’integratore è descritto come soluzione a un problema della sfera intima (“…non funzionava più come prima”), e con l’effetto di ripristino di una condizione sana (“poi ho scoperto Neradin”). Tutto ciò “rischia di accreditare irresponsabilmente nei consumatori il convincimento che l’integratore in questione possa costituire un’alternativa più semplice e naturale ai farmaci o ai trattamenti terapeutici per la cura delle condizioni patologiche della sessualità maschile“.

Il messaggio tra l’altro sottovaluta l’importanza di un controllo medico per una precisa valutazione della propria condizione e, ove necessario, di un corretto approccio terapeutico. In questo modo risulta pericoloso in quanto induce il pubblico all’autodiagnosi e a trascurare le normali regole di prudenza e a diminuire il senso di responsabilità in relazione alla propria salute.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Sara Rossi

giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

alcol birra smartphone

Alcol, servono regole più severe per la pubblicità su internet e social: la denuncia dell’Oms

Ogni 10 secondi muore una persona a causa dell’alcol. Sono 3 milioni di persone ogni …

3 Commenti

  1. “…non funzionava più come prima” “poi ho scoperto Neradin”
    Che strano, nessuno dei soliti sostenitori degli integratori miracolosi ancora ha commentato che Neradin è buonissimissimo e fa benissimissimo e che lo usano da semprissimo con grande soddisfazionissima e ottimissimi risultatissimi e sono le aziende che pagano i censori per oscurare la verità.

  2. Gli integratori non sono miracolosi,ma non immagina come aiutano.