;
Home / Pianeta / Influenza aviaria, un focolaio anche a Roma. 700 mila animali interessati da ottobre, tra tacchini, galline, polli e struzzi

Influenza aviaria, un focolaio anche a Roma. 700 mila animali interessati da ottobre, tra tacchini, galline, polli e struzzi

Poultry farm business for the purpose of farming meat or eggs for food from, White chicken Farming feed in indoor housingL‘influenza aviaria torna a colpire in Italia: sono ormai 21 i focolai ad alta e bassa patogenicità registrati da metà ottobre quando è stato scoperto il primo caso a Ferrara.  Secondo i dati dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, fino ad ora sono stati colpiti dall’influenza aviaria oltre 700 mila animali considerando tacchini, galline ovaiole, polli da carne e persino struzzi. L’ultimo focolaio è scoppiato a Roma, in un allevamento non commerciale di circa 250 galline ovaiole, dove i controlli sono scattati in seguito all’insorgenza di una mortalità anomala tra gli animali. Le analisi hanno confermato che a colpire è stato un ceppo ad alta patogenicità del virus H5N1, lo stesso che ha interessato gli allevamenti del Nord Italia.

In seguito all’accertamento del focolaio, la Regione Lazio ha istituito una zona di protezione con un raggio di 3 km dall’allevamento colpito, e una di sorveglianza con un raggio di 10 km. Tutti gli allevamenti presenti nell’area sottoposta a misure di sicurezza – circa 35 piccole attività, secondo quanto dichiarato dall’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato – dovranno essere controllati.

tacchini influenza aviaria
Gli allevamenti di tacchini sono stati quelli più colpiti dall’influenza aviaria in Italia quest’anno

Nelle zone di protezione e sorveglianza non è consentito far entrare o uscire pollame, volatili in cattività o mammiferi domestici dagli impianti senza l’autorizzazione del veterinario. Chiunque entri o esca da un allevamento deve rispettare le opportune misure di biosicurezza, tutte le carcasse dei volatili morti devono essere distrutte immediatamente, mentre i veicoli e le attrezzature devono essere sottoposti a procedure di disinfestazione. Sono vietati il trasporto di carne di pollame, la movimentazione e il trasporto tra aziende, su strada, e l’introduzione e l’immissione di selvaggina. Sono vietate anche fiere di pollame e altri volatili. Tutte le misure restano in vigore per almeno 21 giorni dopo l’esecuzione della disinfestazione del focolaio.

Secondo i dati epidemiologici dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, l’influenza aviaria ha colpito più duramente gli allevamenti industriali di tacchini, con oltre 350 mila animali interessati distribuiti in 16 impianti, situati tutti nella Regione Veneto tranne uno. Seguono le galline ovaiole, con oltre 200 mila capi coinvolti, e i polli da carne (broiler), con oltre 100 mila capi interessati.

© Riproduzione riservata Foto: fotolia.com, stock.adobe.com, depositphotos.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

amazon app smartphone

Accordo Amazon – Governo italiano per il controllo dell’italian sounding nei siti di e-commerce

È stato siglato dal ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, l‘accordo tra il Mipaaf e …

Un commento

  1. Avatar

    Perdonate la mia ignoranza, ma cosa succede se le carni da animali infetti arrivano sulle nostre tavole?
    La normale cottura annullerebbe eventuali pericoli per l’uomo?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *