Home / Allerta / Sostanze proibite in funghi porcini secchi dalla Cina e medicinali veterinari in carne di maiale italiana… Ritirati dal mercato europeo 82 prodotti

Sostanze proibite in funghi porcini secchi dalla Cina e medicinali veterinari in carne di maiale italiana… Ritirati dal mercato europeo 82 prodotti

Nella settimana n°47 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 82 (9 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende quattro casi: residui di medicinali veterinari (sulfadimetossina) superiori ai limiti in carne di maiale refrigerata proveniente dall’Italia; sostanze non autorizzate (nicotina, tetrametrina e propoxur) in funghi porcini secchi provenienti dalla Cina; allergene (glutine) non dichiarato in gelato vegano al latte di cocco e cioccolato, dai Paesi Bassi; Salmonella enterica (ser. Enteritidis) in cosce di pollo congelate dalla Polonia.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: cadmio in seppie congelate dall’India; Salmonella enterica (ser. Derby) in carne di tacchino refrigerata, dalla Spagna; filtri in acciaio dalla Cina non idonei all’uso come materiale a contatto con gli alimenti (acciaio AISI 201); Salmonella enterica (ser. Corvallis) in carne di tacchino refrigerata, dalla Spagna; Salmonella in cozze mediterranee dalla Spagna, confezionate in Italia; Salmonella in petti di pollo congelati dalla Polonia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: infestazione parassitaria di Anisakis in sgombro (Scomber scombrus) congelato, dalla Francia

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato la Francia segnala un’allerta per la presenza di Listeria monocytogenes in affettati di carne.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Salmonella in carne di pollo congelata dalla Polonia e grano non dichiarato in etichetta di quinoa rossa… Ritirati dal mercato europeo 75 prodotti

Nella settimana n°44 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

3 Commenti

  1. Avatar

    “Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: infestazione parassitaria di Anisakis in sgombro (Scomber scombrus) congelato, dalla Francia”

    Ma per eliminare l’Anisakis non si usa il congelamento?!?

    • Valeria Nardi

      Con l’abbattimento della temperatura(fino a -20°C per almeno 24 ore o a -35°C per 15 ore) si neutralizzano le larve. Ma per legge non può essere comercializzato un pasce in cui siano visibili larve o altri parassiti (anche se morti).

    • Avatar

      Grazie per il chiarimento.

      Quindi non conformi per normativa ma non pericolosi per la salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *