Home / Allerta / Frutti di bosco contaminati: in Australia 18 casi di epatite A e il governo prende le dovute precauzioni. In Italia intanto siamo a 1.800

Frutti di bosco contaminati: in Australia 18 casi di epatite A e il governo prende le dovute precauzioni. In Italia intanto siamo a 1.800

frutti di bosco surgelati Frutti di bosco contaminati 178711420
Frutti di bosco contaminati anche in Austriaca causano 18 casi di epatite A

In Australia le persone che hanno contratto l’epatite a causa dei frutti di bosco congelati contaminati, sono 18 (un numero insignificante, cento volte inferiore rispetto ai quasi 1.800 casi italiani registrati sino al mese di agosto 2014), e il governo ha deciso di prendere provvedimenti per limitare o ridurre il rischio che questi incidenti possano ripetersi.

Il primo ministro australiano Tony Abbott ha annunciato che entro pochi giorni sarà attiva la nuova normativa sull’etichettatura dei prodotti assemblati da materie prime diverse, con l’obbligo di indicare il paese di origine di ciascuna di esse, nonché quello di lavorazione.

 

La contaminazione si è verificata in prodotti venduti dall’azienda Patties Food Ltd, che realizza miscele di frutti di bosco con vari nomi partendo da lotti di singole bacche provenienti dai paesi più disparati quali Cina e Cile, e li fa confezionare in Cina. Secondo le autorità il contagio è avvenuto proprio in Cina, anche se a oggi non vi sono prove sufficienti per chiarire questo aspetto. In ogni caso, l’opinione pubblica, come spesso accade, scossa dall’incidente, si è orientata verso la trasparenza delle filiere, e il governo ha reagito.

 

frutti bosco
La contaminazione si è verificata in prodotti venduti dalla Patties Food Ltd, che realizza miscele di frutti di bosco

Qualche mese fa l’atteggiamento era stato diverso: la decisione degli Stati Uniti di obbligare i produttori a indicare in etichetta l’origine della carne di manzo non era stata presa bene, e l’Australia si era schierata con l’Organizzazione Mondiale per il Commercio, il WTO, che aveva sanzionato la decisione nordamericana. Questo tipo di norme – è infatti la posizione del WTO – può ledere il libero commercio, agevolando alcuni paesi a scapito di altri, e chi sottoscrive gli accordi internazionali deve rispettare anche queste parti.

 

Lo stesso principio, che sembra non tenere in alcun conto la salute dei consumatori, vale ora per i frutti di bosco: la tracciabilità è interpretata come un possibile fattore di condizionamento spurio, e come tale sanzionata. Per questo motivo, Abbott, secondo la Reuters, ha dichiarato di aver incaricato un gruppo di esperti di trovare l’escamotage giuridico che consenta di essere più trasparenti senza violare le norme del WTO e senza obbligare i produttori a spese aggiuntive tali che incidano sul prezzo finale. Oggi le etichette riportano “fatto da ingredienti australiani e importati”, senza ulteriori dettagli né sui luoghi di coltivazione né su quelli di confezionamento, ma nelle prossime settimane la dicitura dovrebbe cambiare.

 

Frozen berry isolated
Secondo le autorità australiane il contagio dei frutti di bosco e avvenuto in Cina

Con il susseguirsi di episodi di questo tipo, l’orientamento dei consumatori di tutto il mondo sta evolvendo verso una maggiore attenzione al diritto alla salute e alla libera scelta, cioè all’informazione più completa possibile, e verso i prodotti domestici: il 60% degli australiani, in un recente sondaggio, ha dichiarato di preferire prodotti realmente nazionali, anche qualora costino un po’ di più. Probabilmente le stesse risposte si otterrebbero anche altrove, anche se poi, a fronte di offerte sempre al ribasso, rese possibili proprio dai grandi commerci su scala planetaria, le scelte reali non sono così coerenti. Ma la tendenza sembra definitiva, e le grandi aziende sembrano iniziare a capirlo. Sempre in Australia, Ardmona, una società del gruppo Coca-Cola, dichiara che tutti gli ingredienti delle sue bibite sono australiani, e lo stesso succede un po’ ovunque, ove i marchi 100% nazionale sono sempre più presenti.

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

te macha

Alluminio in polvere di tè matcha e glutine non dichiarato in cannoli siciliani… Ritirati dal mercato europeo 92 prodotti

Nella settimana n°46 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

2 Commenti

  1. Che sogno, esattamente quello che vorrei io, sapere la provenienza di ogni singolo ingrediente. Mi dovrò trasferire in Australia

  2. Maurizio Dallara

    non ti conviene andare là, non sono proprio ‘esterofili’