Home / Etichette & Prodotti / Acqua Vera, spuntano “frasi gentili” sulle etichette delle bottiglie. Nestlé spiega il significato dell’iniziativa

Acqua Vera, spuntano “frasi gentili” sulle etichette delle bottiglie. Nestlé spiega il significato dell’iniziativa

acqua vera nestle frase gentileDa qualche tempo è stata segnalata la presenza di alcune “frasi gentili” sull’etichetta delle bottiglie di acqua minerale Vera di Nestlé. Si tratta di messaggi come “E dai un bacio a tuo figlio”, oppure “E chiudi un occhio sui capricci dei tuoi bambini”. Le frasi compaiono tra le informazioni obbligatorie sull’etichetta, e si notano subito per il colore rosso. Abbiamo chiesto a Nestlé quale fosse il significato di questa iniziativa: ecco la risposta.

“Nestlé Vera ha deciso di inserire delle frasi a fianco dei consigli di utilizzo del prodotto, differenziandole nel colore rispetto alle diciture obbligatorie. Si tratta di un suggerimento extra, un po’ inaspettato, per ricordare di coltivare i gesti d’amore per le persone a cui vogliamo bene e che per noi significano “Famiglia”, che siano o non siano all’interno di un ciclo parentale, partendo dal bere acqua fino ad arrivare a una coccola in più. Da sempre, infatti, Nestlé Vera, simbolo di qualità e benessere, è vicina alle famiglie, impegnandosi nella promozione della corretta idratazione dei bambini e degli adulti, ponendosi come obiettivo la sensibilizzazione dei consumatori ad un corretto utilizzo e consumo dell’acqua, risorsa fondamentale di vita e di benessere per l’organismo.”

L’iniziativa di Nestlé Vera con le sue frasi gentili è  simpatica e originale, ed è lodevole anche l’impegno di sensibilizzazione dei consumatori a usare l’acqua in maniera responsabile. Anche se il modo migliore per bere acqua in modo responsabile e sostenibile – tranne quando si riscontrano problemi locali e temporanei di contaminazione nella rete idrica o sussistono necessità mediche – è scegliere l’acqua del rubinetto al posto di quella in bottiglia.

Fonte immagini: universomamma.it

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Young lambs

Benessere animale, solo un’etichetta sul metodo di allevamento può fermare le indicazioni ingannevoli per i consumatori. La petizione di Ciwf

Il benessere degli animali da cui provengono la carne, il latte e le uova in …

5 Commenti

  1. Per dare un buon esempio di coerenza e di valori, Nestlé Vera dovrebbe imbottigliare l’acqua in contenitori biodegradabili e compostabili, magari d’origine vegetale (Sant’Anna docet).

  2. come dice ezio, i produttori, e prima degli altri quelli che per dimensione potrebbero permetterselo (come la nestlè) dovrebbero cominciare ad utilizzare esclusivamente contenitori BIODEGRADABILI AL 100% ! tutto il resto sono chiacchiere

  3. che guardino ad altre cose più importanti x la salute umana e la salute del pianeta … mi fanno sorridere

  4. …scusate, ma non riesco a leggere:” Da sempre, infatti, Nestlé Vera, simbolo di qualità e benessere, è vicina alle famiglie. “
    Vero che nel comunicato si parla di corretto e responsabile consumo di acqua,,ma io che ho una certa età, ma non soffro ancora di Alzheimer, penso alla campagna di marketing forzata e scorretta di qualche anno fa, nei paesi del terzo mondo per vendere e promuovere come sicuro, moderno e migliore il proprio latte in polvere a discapito dell’allattamento al seno, bollato come poco salutistico e “primitivo”

  5. sono perfettamente d’accordo con la sig.ra Stefania; si tratta soltanto di manipolazione subliminale adottata dalla solita imbrogliona Nestlè x aumentare nei consumatori inconsapevoli il desiderio di comprare proprio quella invece che altre; inoltre in un mondo già al collasso per residui plastici, bisognerebbe incentivare il consumo di acqua “del sindaco”, magari adeguatamente trattata in alcune zone x renderla più gradevole (mi rendo conto che non ovunque può essere buona al palato)