Home / Tecnologia e Test / Francia, l’industria alimentare cerca di riprendere il controllo delle informazioni. Annunciata un’app in competizione con quelle indipendenti

Francia, l’industria alimentare cerca di riprendere il controllo delle informazioni. Annunciata un’app in competizione con quelle indipendenti

sms truffa CarrefourL’industria alimentare francese vuole passare al contrattacco nel campo delle app di valutazione nutrizionale dei prodotti, sempre più utilizzate dai consumatori per i loro acquisti. Ormai il 15% dei francesi utilizza queste applicazioni quando deve comprare, per leggere commenti e possibili alternative a un determinato prodotto. 

La Federazione francese dei produttori alimentari (Ania) ha annunciato il prossimo lancio di una propria piattaforma digitale, in cui a ogni prodotto saranno associate le informazioni contenute nel codice a barre e altre sul metodo di produzione, sulla valutazione nutrizionale del sistema Nutri-Score, sull’impronta ambientale e qualcuno pensa anche alle ricette.

La nuova piattaforma, denominata Num-Alim (Numérique Alimentaire), sarà operativa entro diciotto mesi e vede la collaborazione anche del Fonds Français pour l’Alimentation et la Santé (FFAS), della Fondation Avril e di GS1 France.

Con Num-Alim, afferma l’Ania, “avremo una fonte affidabile, completa e aggiornata per guidare i consumatori nelle loro scelte”. Tuttavia, come scrive BFMTV, ci sono ancora due scogli da superare. Il primo è la disponibilità delle industrie a condividere informazioni sui metodi produttivi. Il secondo, verificabile solo una volta che l’applicazione sarà funzionante, è se i consumatori si fideranno delle informazioni provenienti dai produttori o se continueranno a preferire le app indipendenti con le valutazioni dei consumatori, come Yuka, che classifica i prodotti alimentari in base alla loro qualità nutrizionale, già scaricata più di cinque milioni di volte.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Feel the Peel juice bar economia circolare arance spremute

Economia circolare: nel juice bar sperimentale di CRA ed Eni, le bucce delle arance si trasformano in bicchieri per la spremuta

Che fine fanno le bucce di tutte le arance che spremiamo, a casa o al …

Un commento

  1. Avatar

    Dal semplicistico semaforo Nutri Score, alla tabella nutrizionale con l’elenco ingredienti, già di per se sistema esaustivo, alle app approfondite, ce n’è per tutti i gusti e capacità di comprendonio.
    Poi il palato e le dipendenze continueranno a dirigere i lavori gustatori!!