Home / Etichette & Prodotti / La catena di fast-food McDonald’s ha adottato in Francia l’etichetta a semaforo Nutri-Score

La catena di fast-food McDonald’s ha adottato in Francia l’etichetta a semaforo Nutri-Score

McDonald'sMcDonald’s è la prima catena di fast food che ha deciso di adottare l’etichetta nutrizionale a semaforo nota come il nome di Nutri-Score. Per il momento la scelta riguarda solo la Francia e le specifiche della nuova etichetta si trovano in una pagina dedicata del sito. Qui McDonald’s spiega come funziona il Nutri-Score, precisando che attraverso l’utilizzo di cinque colori (dal verde al rosso), corrispondenti a cinque lettere dell’alfabeto, dalla ‘A’ (attribuita a prodotti validi), alla ‘E’ (attribuita ai prodotti da consumare con moderazione) viene valutata la qualità nutrizionale. Il colore è il frutto di un algoritmo che valuta sia la qualità degli ingredienti da premiare, come fibre, frutta e verdura sia di quelli da limitare, come zuccheri, sale e grassi saturi, oltre alle calorie. Si tratta – precisa il sito – di un metodo per confrontare i prodotti tra di loro permettendo ai lettori di fare velocemente una valutazione nutrizionale.

Basta infatti vedere il colore attribuito ai vari tipi di hamburger o agli altri prodotti in assortimento come insalate o bibite per scegliere con cognizione. Attenzione però, perché il Nutri-Score si riferisce a 100 g di cibo, per cui la porzione piccola di patatine fritte avrà lo stesso giudizio nutrizionale assegnato alla porzione grande. A dispetto di quanto viene spontaneo pensare nel ricco assortimento di McDonad’s solo due prodotti hanno il colore rosso (la Coca-Cola classica e la salsa vinaigrette), molti hanno quello arancione e ci sono anche dei semafori verdi attribuiti alle carote crude e ai pomodori freschi o all’insalata classica Cesar. Il Nutri-Score è un’integrazione volontaria che si somma alle altre indicazioni obbligatorie presenti sulle etichette. Chi è interessato a scoprire quale il valore di altri prodotti alimentari può collegarsi alla banca dati di Open food fact dove si trovano migliaia di prodotti presenti sul mercato italiano.

© Riproduzione riservata Foto: fotolia.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Sara Rossi

giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

NutrInform Battery

NutrInform Battery: il ministero della Salute lancia l’app da scaricare in contrapposizione al Nutri-Score

Il ministero della Salute assieme ad altri enti (*) ha realizzato un’app per permettere ai …

Un commento

  1. Luca CODELUPPI

    Mi fa piacere scoprire che le patatine fritte secondo l’intelligentissimo sistema nutri-score sono consigliabili: addirittura un B
    Cosa hanno nel cervello i francesi che hanno studiato – si fa per dire – questo metodo?
    Chi c’era dietro lo studio? Non sono in generale un complottista, ma ci si pone delle domande!