;
Home / Prezzi / Pane e pasta: gli aumenti di prezzo sono in arrivo per il rincaro generalizzato delle materie prime

Pane e pasta: gli aumenti di prezzo sono in arrivo per il rincaro generalizzato delle materie prime

“Si preannuncia un autunno all’insegna di forti aumenti di prezzo per farina, burro, olio e lieviti”. Tutte le materie prime sono in tensione e i fornitori annunciano rincari all’origine. Già abbiamo avuto un’estate calda sul fronte dei prezzi del frumento che si sta avvicinando ai livelli record registrati nel 2008″. E’ questa la denuncia del presidente Assopanificatori di Fiesa Confesercenti Davide Trombini. I listini all’ingrosso delle farine di grano tenero sono in costante aumento, mentre quelli delle semole di grano duro hanno registrato un vero e proprio balzo nel mese di luglio con un +6% rispetto a giugno. I dati ci dicono che luglio 2021 rispetto a luglio 2020 ha visto un incremento dei prezzi all’origine del 9,9% per il frumento duro e del 17,7% per il frumento tenero. I fornitori  avvisano che da metà settembre potremmo vedere aumenti anche a doppia cifra per le farine.

Ma i problemi non riguardano solo le farine.” Nel giro di pochi mesi – continua Trombini – si registrano aumenti medi sull’olio di semi raffinati del 33% con gli oli di girasole aumentati da luglio 2020 a luglio 2021 del 61% e il burro nello stesso periodo del 31%. C’è anche da dire che durante il lockdown quattro italiani su dieci hanno messo nel carrello più prodotti di base (soprattutto farine e lieviti) e anche una volta terminato il lockdown farina, lieviti, latte, uova registrano una espansione delle vendite di quasi il 25%. Nello specifico lievito di birra e farina registrano rispettivamente incrementi delle vendite del +59% e +36%”. Allo stesso modo hanno ricominciato la salita i costi per tariffe e carburanti che da aprile in poi hanno iniziato a registrare variazioni tendenziali positive a due cifre: 15,7% ad agosto per l’energia elettrica, 34% per il gas e 16,8% per i carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto. Per fortuna gli aumenti nei prezzi all’ingrosso e all’origine del frumento e degli olii ancora non si sono rilevati sui prodotti al dettaglio, ma il futuro non è certo roseo per prodotti come il pane e la pasta.

© Riproduzione riservata Foto: fotolia.com, depositphotos.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il prezzo del latte alla stalla è di 37 centesimi di euro. Troppo poco sostengono gli allevatori

Un litro di latte fresco viene pagato alla stalla 37 centesimi di euro, al di …

3 Commenti

  1. Avatar

    In teoria la percentuale di aumento non dovrebbe essere rovesciata per intero sul prezzo finale (salvo più o meno la farina) perché sul costo di produzione di pane e pasta la materia prima è solo una parte.
    Peraltro, visto che almeno la pasta ha lunghi tempi di scadenza, si può pensare di prendere adesso un pò di scorta

  2. Avatar

    Sarebbe da sottolineare che questi aumenti sono diretta conseguenza della siccità dell’nord ovest americano, a sua volta legata alla crisi climatica. Quando noi “ambientalisti radical chic”/”gretini” manifestiamo, lo facciamo perché sappiamo già che questo della *CARESTIA GLOBALE* è uno dei rischi dell’AGW.

  3. Avatar

    Daccordissimo con entrambi i commenti. In ogni caso i cambiamenti climatici saranno il problema più grande da risolvere e da cui purtroppo scaturiranno altre problematiche per ambiente, salute uman e animale , immigrazione, ec.. ecc.. ecc..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *