Home / Controlli e Frodi / Falso olio extravergine: in Svizzera il 14% delle bottiglie non supera i test dei laboratori cantonali. I risultati raccontati da Teatro Naturale

Falso olio extravergine: in Svizzera il 14% delle bottiglie non supera i test dei laboratori cantonali. I risultati raccontati da Teatro Naturale

Woman reading label on bottle of olive oil in storeLa Svizzera si è impegnata in un’operazione di controllo delle bottiglie di olio extravergine importato e smascherare così eventuali frodi, scoprendo però che la maggior parte dei prodotti testati sono in regola. Ne parla un articolo pubblicato in origine da Teatro Naturale, che riproponiamo con piacere.

Giro di vite in Svizzera sull’olio di oliva, dove i laboratori cantonali hanno cominciato un’indagine accurata sulle importazioni nel Paese. I laboratori cantonali intendono investire ulteriormente nello sviluppo di nuove analisi ed esami sulla qualità e sulle prove di autenticità dell’olio, dal momento che la dicitura “extravergine” risveglia nei consumatori alte aspettative e risulta quindi attrattivo per casi di frode.

In un comunicato congiunto, le autorità cantonali di Ginevra, Lucerna, Turgovia e Zurigo hanno annunciato i risultati di un’indagine coordinata che ha visto controllati cinquanta campioni di olio, indicati come extravergini di oliva. Le bottiglie esaminate contemplavano sia grandi industrie sia piccole aziende agricole.

Non sono stati forniti i dettagli sui campioni esaminati ma è stato detto che in sette casi (14%), sui cinquanta esaminati, l’olio in questione non era extravergine per problemi di difetti organolettici. In particolare il difetto più diffuso era il rancido. “Non è mai stata messa in pericolo la salute dei consumatori – ha detto alla Keystone-ATS il chimico cantonale zurighese Martin Brunner – Nella bottiglia non vi era semplicemente quello che era scritto sull’etichetta”. I chimici cantonali competenti hanno disposto, subito dopo le analisi, le necessarie misure cautelari e sanzionatorie.

da Teatro Naturale

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ragu barilla retro 2018

Ragù Barilla con carne di maiale arriva in Arabia Saudita. L’Italia bacchettata dalle autorità locali

Il Ministero della Salute italiano è stato richiamato dalle Autorità Saudite per alcune irregolarità riscontrate …

3 Commenti

  1. Giuseppe Rossi

    Sono un piccolo agricoltore produttore di olio extra vergine di oliva provengo da una famiglia che dal 1300 fiorentino ha sempre fatto i coltivatori con produzione di olio. Da sempre sono sostenitore e lo dico a gran voce che in tanti specialmente i grandi agricoltori e aziende agricole mettono in vendita olio di olive extra contraffatto, no che sia tossico, no, ma non è quello dichiarato e tutto questo lo fanno per SOLDI per mettere in tasca migliaia e milioni di euro per i tanti sfizi e vizi macchine belle donne di rango vacanze dorate ecc, ecc. A noi contadini poveri ma onesti non si da retta si esaltano soltanto le aziende agricole belle, la grande distribuzione, i tanti grossisti e i coltivatori in pompa magna. Vergogna anche da parte di giornali e giornalisti e TV comprese. Non è possibile che le tante belle donne tutte tinte e dipinte che si osservano in TV debbono fare gli agricoltori come si deve per non dire altro. L’agricoltura vuole i ginocchi per terra e le mani sporche per essere onesta e vera ….le unghie tinte non la fanno.
    Giuseppe Rossi

    • caro Giuseppe, hai detto talmente giusto ciò che hai espresso…che la bibbia al confronto sembra un libro di fiabe . Verissimo, hai toccato il tasto giusto , purtroppo ,mentre sta sparendo il vero valore che ci ha insegnato il ns Dio, ed quello stesso valore che hanno insegnato la tua famiglia nel tempo (sicchè dal 1300 in poi ne son passate di generazioni…)che ha e farà GRANDE il ns paese nel mondo. Tu alla fine dell’anno non sarai divenuto ricco, ma andrai sempre a dormire con la certezza che domani è un nuovo giorno….diverso per le multinazionali dell’ind agroalimentare. Non ti conosco (e mi spiace veramente ) ma so che se dovessi chiudere gli occhi domani….vorrei che mio figlio trovasse un Vero padre come TE. Condivido pienamente le tue parole, e spero che siano lette da tutti come un valore aggiunto….oggi l’unico DSio riconosciuto ufficiale da uomini e Nazioni è solo il DENARO. E il denaro conduce inevitabilmente alla guerra….che viene alimentata dalle religioni. Ma questa non è teoria solo mia….basta leggere la storia e la verità è gia scritta a latere. Dovremmo tutti, anziche girare canale comodamente afflosciati sul divano , girare per il ns paese e cercare le persone e le aziende che come te, fanno ottimi prodotti e rispettano le cose. Se un giorno ti incontrassi…quando ti stringerò la mano, …non pulirtela, …di quella stessa terra vorrei essere sempre sporco. giorgio

  2. ciao giuseppe, come si fa a non condividere quanto hai scritto ! penso che siamo in tanti, anzi più di quello che si crede. pero’ impotenti… ma c’e un pero’, si, che in questo paese prevalgono sempre le minoranze ( lobby ) formate da ricchi mercenari assecondati da politici ( in tutti i partiti ) che curano molto bene i loro interessi.
    giorgio, tutto bello quello che scrivi quello che non riesco più a sopportare , ( perché anche a me e ai miei fratelli nostro padre ci ha insegnato l’onesta ), e sentir la solita tiritera :” che domani e’ un nuovo giorno e potrò’ guardarmi allo specchio a testa alta “.
    intanto questi se la spassano, li vedi su tutti i giornali ,in tv a cena con i politici, accolti sempre con sfarzo ed onore, e tu lì….. a leccarti i piedi ed a pensare. tanto io sono onesto.