Home / Video / Expo 2015: i droni filmano l’avanzamento dei lavori. Tra padiglioni esotici e stranieri spicca un solo elemento: il ritardo

Expo 2015: i droni filmano l’avanzamento dei lavori. Tra padiglioni esotici e stranieri spicca un solo elemento: il ritardo

Schermata 2015-03-10 a 16.22.46

Tra critiche, problemi nella gestione, bufere mediatiche e sponsor di dubbio gusto siamo arrivati a poco più di 50 giorni all’inaugurazione di Expo 2015. Il primo maggio si apriranno le porte e per sei mesi l’evento catturerà l’energia e l’attenzione di tutta la città di Milano. Il sito dedicato all’evento ormai viene aggiornato  regolarmente e presenta una sezione con i video sullo stato dei lavori in corso. Si chiama “Belvedere in città” ed è «il progetto realizzato da Expo Milano 2015 e Telecom Italia che consente di seguire, attraverso l’utilizzo di droni, l’avanzamento dei lavori nel cantiere dell’Esposizione Universale».

 

 

Schermata 2015-03-10 a 16.22.59L’ultimo video risale al 27 febbraio e mostra l’arrivo del legno proveniente da Coney Island – New York – per la pavimentazione del padiglione Statunitense. Le immagini  mostrano anche i padiglioni di Iran, Cile, Australia, Qatar, Giappone, Kuwait, Germania, oltre al cluster dedicato ai cereali. Sono visibili anche alcuni Padiglioni Corporate: «Vanke, riconoscibile dal colore rosso acceso; Coca Cola, costituito da grandi tavole di legno e New Holland, dalla caratteristica sagoma inclinata».

 

Ma ciò che spicca, ancora più degli elementi etichettati e citati, è il ritardo di questi lavori: mancano poco meno di due mesi e il cantiere è ancora in uno stato di evidente arretratezza.  Ritornando al sito e alle mille sfaccettature, merita una citazione la pagina Cibo e Identità: un blog della Fondazione Feltrinelli – Laboratorio Expo che, come si legge nell’occhiello: «Attraverso immagini, parole ed elementi multimediali, vuole riflettere sul rapporto tra cibo, cultura e identità, esplorando gli aspetti antropologici del cibo, considerando non solo la necessità di nutrire il corpo, ma anche quella di nutrire lo spirito».

E voi, cosa ne pensate?

 

 https://www.youtube.com/watch?v=HLC8wxi1Mv8
Sara Rossi

Riproduzione riservata

foto: istockphotos.com

 

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione per chiedere che sulle etichette dei prodotti alimentari rimanga l’indicazione dello stabilimento di produzione

Per sottoscrivere clicca qui

stabilimento produzione petizione

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

uovo sodo

Uova fuori dal guscio: in bottiglia, a tubo e persino light. Lo spiega il professor Paparella, microbiologo alimentare

Quante sono le tipologie di uova in vendita nei banchi del supermercato? Ci sono quelle …

2 Commenti

  1. Avatar

    Corruzione per costruirlo
    Ritardi
    Costi extra
    Biglietti esosi
    Devastazione del territorio
    Multinazionali che di passione per il cibo hanno ben poco

    Che altro dire?

  2. Avatar

    Un’abbuffata del peggio italiano, con la finalità di esporre il meglio.
    Se il fine giustifica i mezzi sarà un successo.
    Niente di nuovo e di diverso dal nostro standard nazionale: facciamo cose egrege nel peggiore dei modi possibile.