Home / Nutrizione / L’etichetta Nutri-Score entra nelle linee guida nutrizionali francesi. Tra le novità anche consigli per un’alimentazione più sostenibile. E in Italia?

L’etichetta Nutri-Score entra nelle linee guida nutrizionali francesi. Tra le novità anche consigli per un’alimentazione più sostenibile. E in Italia?

pnns linee guida francesi aumentareIn Francia, il Nutri-Score entra ufficialmente nelle nuove linee guida nutrizionali per la popolazione del Programma nazionale nutrizione e salute pubblicate da Santé Publique France. E non è l’unica novità: anche l’alimentazione sostenibile fa la sua comparsa nelle raccomandazioni. Le linee guida per l’alimentazione e l’attività fisica appena pubblicate sono rivolte agli adulti e sono accompagnati da un’infografica semplificata, che riassume tutti gli alimenti e le attività da aumentare, ridurre e preferire.

Secondo le linee guida francesi, tra gli alimenti il cui consumo è da aumentare per una sana alimentazione figurano come sempre frutta e verdura, che devono raggiungere almeno cinque porzioni al giorno, ma anche frutta secca in guscio e legumi secchi, che per la prima volta sono oggetto di raccomandazioni di consumo specifiche. Sono da incrementare anche l’attività fisica e la cucina casalinga al posto dei pasti fuori casa e a base di cibi pronti ultra-trasformati.

pnns linee guida francesi ridurre
Le linee guida alimentari francesi raccomandano di ridurre il consumo degli alimenti con un Nutri-Score pari a D o E

Al contrario, si raccomanda di diminuire il consumo di carni rosse (manzo, maiale, agnello, ecc.), salumi e affettati, prodotti troppo salati, cibi e bevande zuccherate e alcolici. In modo specifico le linee guida consigliano di ridurre la presenza nella dieta dei prodotti con un Nutri-Score pari a D ed E, categoria in cui rientrano moltissimi cibi ultra-trasformati. Le raccomandazioni ricordano anche di diminuire il proprio livello di sedentarietà.

Infine, quando è possibile, le linee guida francesi consigliano di preferire cibi biologici e stagionali, per rendere la dieta più sostenibile da un punto di vista ambientale. Sono da privilegiare anche i cereali integrali rispetto alle farine raffinate, gli oli vegetali (extravergine di oliva, colza e noci) al posto del burro, il consumo due volte alla settimana di pesce, alternando pesci grassi e magri, e un’assunzione adeguata di latte e latticini, ma senza esagerare.

pnns linee guida francesi preferire
Si raccomanda di preferire alimenti biologici e di stagione per rendere la propria dieta più sostenibile

Mentre in Francia le linee guida alimentari sono aggiornate con strumenti come il Nutri-Score, che permette di valutare  la qualità nutrizionale dei prodotti, e invitano i consumatori a rendere la propria dieta più sostenibile da un punto di vista ambientale, a 16 anni dall’ultima edizione, in Italia non c’è ancora traccia delle linee guida per una sana alimentazione: che il 2019 sia l’anno buono?

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

eco menu Greenpeace

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma …