Home / Nutrizione / L’etichetta Nutri-Score entra nelle linee guida nutrizionali francesi. Tra le novità anche consigli per un’alimentazione più sostenibile. E in Italia?

L’etichetta Nutri-Score entra nelle linee guida nutrizionali francesi. Tra le novità anche consigli per un’alimentazione più sostenibile. E in Italia?

pnns linee guida francesi aumentareIn Francia, il Nutri-Score entra ufficialmente nelle nuove linee guida nutrizionali per la popolazione del Programma nazionale nutrizione e salute pubblicate da Santé Publique France. E non è l’unica novità: anche l’alimentazione sostenibile fa la sua comparsa nelle raccomandazioni. Le linee guida per l’alimentazione e l’attività fisica appena pubblicate sono rivolte agli adulti e sono accompagnati da un’infografica semplificata, che riassume tutti gli alimenti e le attività da aumentare, ridurre e preferire.

Secondo le linee guida francesi, tra gli alimenti il cui consumo è da aumentare per una sana alimentazione figurano come sempre frutta e verdura, che devono raggiungere almeno cinque porzioni al giorno, ma anche frutta secca in guscio e legumi secchi, che per la prima volta sono oggetto di raccomandazioni di consumo specifiche. Sono da incrementare anche l’attività fisica e la cucina casalinga al posto dei pasti fuori casa e a base di cibi pronti ultra-trasformati.

pnns linee guida francesi ridurre
Le linee guida alimentari francesi raccomandano di ridurre il consumo degli alimenti con un Nutri-Score pari a D o E

Al contrario, si raccomanda di diminuire il consumo di carni rosse (manzo, maiale, agnello, ecc.), salumi e affettati, prodotti troppo salati, cibi e bevande zuccherate e alcolici. In modo specifico le linee guida consigliano di ridurre la presenza nella dieta dei prodotti con un Nutri-Score pari a D ed E, categoria in cui rientrano moltissimi cibi ultra-trasformati. Le raccomandazioni ricordano anche di diminuire il proprio livello di sedentarietà.

Infine, quando è possibile, le linee guida francesi consigliano di preferire cibi biologici e stagionali, per rendere la dieta più sostenibile da un punto di vista ambientale. Sono da privilegiare anche i cereali integrali rispetto alle farine raffinate, gli oli vegetali (extravergine di oliva, colza e noci) al posto del burro, il consumo due volte alla settimana di pesce, alternando pesci grassi e magri, e un’assunzione adeguata di latte e latticini, ma senza esagerare.

pnns linee guida francesi preferire
Si raccomanda di preferire alimenti biologici e di stagione per rendere la propria dieta più sostenibile

Mentre in Francia le linee guida alimentari sono aggiornate con strumenti come il Nutri-Score, che permette di valutare  la qualità nutrizionale dei prodotti, e invitano i consumatori a rendere la propria dieta più sostenibile da un punto di vista ambientale, a 16 anni dall’ultima edizione, in Italia non c’è ancora traccia delle linee guida per una sana alimentazione: che il 2019 sia l’anno buono?

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

C’era una volta la cena: la campagna contro la malnutrizione infantile (in Italia)

Nel nostro Paese, oggi, quasi 1 milione e 300 mila minori vivono in condizioni di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *