Home / Etichette & Prodotti / Italia è contro l’etichetta nutrizionale a semaforo della Gran Bretagna: classifica i cibi con parametri discutibili e approssimativi

Italia è contro l’etichetta nutrizionale a semaforo della Gran Bretagna: classifica i cibi con parametri discutibili e approssimativi

semaforo 149372948
L’Italia è contro l’etichetta a semaforo diffusa in Gran Bretagna

Durante il Consiglio dei ministri dell’Agricoltura dell’Unione europea del 14 marzo, l’Italia ha posto in  discussione la questione dell’etichetta a semaforo, adottata a livello volontario dalla Gran Bretagna (contro la quale si sono schierati 15 paesi: Croazia, Belgio, Cipro, Spagna, Grecia, Slovenia, Portogallo, Lussemburgo, Bulgaria, Polonia, Irlanda, Romania, Germania, Slovacchia e Lettonia).

Lo schieramento contrario all’etichetta a semaforo chiede alla Gran Bretagna di rivedere la scelta e alla Commissione UE di intervenire per rimuovere questo “elemento distorsivo del mercato”, che secondo il Ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina, provoca “danni economici e d’immagine ai nostri prodotti e nessun beneficio ai consumatori… e non promuove una dieta sana e un equilibrio nello stile alimentare, classificando i cibi con parametri discutibili e approssimativi”. Nell’ottobre 2014, la Commissione europea ha deciso di aprire una procedura d’infrazione nei confronti del Regno Unito, che per ora è allo stadio di messa in mora.

etichetta a semaforo
Il semaforo rosso viene visto come uno stop all’acquisto piuttosto che come un “comprare occasionalmente”

L’etichetta nutrizionale con i tre colori del semaforo è stata introdotta in Gran Bretagna come strumento volontario nel giugno 2013. È raccomandata dal Ministero della salute britannico ed è stata ampiamente adottata da molti supermercati (98% di adesione). L’etichetta a semaforo prende in considerazione le calorie, i grassi, gli zuccheri e il sale presenti in 100 grammi di prodotto. Quando in un determinato alimento uno dei componenti  supera una certa concentrazione, in etichetta viene indicato con un bollino rosso, mentre se è presente in quantità basse il colore è verde, e nei casi intermedi giallo.

Nomisma (società italiana che conduce ricerche economiche) ha condotto uno studio sugli effetti dell’etichetta a semaforo sul mercato inglese, prendendo in considerazione tre prodotti  (prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano e Brie francese). La ricerca ha evidenziato  un calo nelle vendite e nelle quote di mercato di questi prodotti etichettati con il sistema a semaforo, mentre si registra un incremento delle vendite quando non sono etichettati. Si va dal -8% del Brie al -13% fatto registrare dal Parmigiano Reggiano Dop porzionato, fino al -14% per il Prosciutto di Parma Dop. In precedenza, un sondaggio condotto da YouGov aveva messo in luce che il 70% dei consumatori interpreta il bollino rosso come un invito a “non comprare”, piuttosto che “da consumare con moderazione”.

Due esempi di etichetta semaforo ricavati dal sito di Tesco, una delle catene più importanti in Inghilterra.

crudoitaliano mozzarella tesco

Le etichette a semaforo adottate in Francia, chiamate Nutri-Score, sono il miglior sistema per aiutare il consumatore a capire le caratteristiche nutrizionali di un prodotto. Lo schema è molto semplice: il rosso indica un alimento da assumere con moderazione, il verde un cibo sano mentre il giallo invita a consumare il prodotto senza esagerare, per mantenere una dieta equilibrata. Le etichette sono state accolte con entusiasmo dall’OMS e dalle associazioni dei consumatori. In questo dossier di 19 pagine spieghiamo come funziona il Nutri-Score e perché nutrizionisti e società scientifiche che si occupano di alimentazione non possono che essere favorevoli all’adozione anche in Italia.

I lettori interessati a ricevere l’ebook, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro in formato pdf  “Etichette a semaforo”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Puntarelle, Roman Marketplace

Il caso delle puntarelle, la scadenza va sempre in etichetta sui prodotti ortofrutticoli tagliati. Lo conferma la Cassazione

Sulle confezioni di  frutta e verdura tagliata il termine minimo di conservazione deve esserci sempre. …

3 Commenti

  1. Avatar

    La verità fa male

  2. Avatar

    Se al crudo di Parma attribuiscono un semaforo rosso, ai terrificanti salumi autoctoni dovrebbero darne dieci! Forse che esàgero?! Mah…non conoscono i cibi genuini, è evidente.

  3. Avatar

    E’ solo un modo diverso di presentare la tabella nutrizionale, completandola con i dati delle RDA giornaliere.
    Forse i colori sono giudizi drastici che colpiscono la cattiva coscienza dei golosi, ma possono aiutare!
    Basta insistere.