Home / Allerta / Esselunga ritira le salsicce in vaschetta per presenza di frammenti metallici

Esselunga ritira le salsicce in vaschetta per presenza di frammenti metallici

Salsiccia punta di coltello
Esselunga ha ritirato il suo prodotto per presenza di frammenti metallici

Esselunga comunica il ritiro da tutti i punti vendita del prodotto “salsiccia punta di coltello”, confezionata in vaschetta e del peso netto di 300/400 grammi e venduta a marchio del supermercato. Il ritiro è stato disposto a causa della presenza di frammenti metallici avvenuta accidentalmente. I consumatori dovrebbero controllare che la data di incarto corrisponda a quella del prodotto in questione (dal 12 al 23 febbraio) e riconsegnarlo al supermercato per il rimborso.

L’azienda si scusa e invita tutti coloro avessero acquistato il prodotto, a non consumarlo né utilizzarlo e a restituire le confezioni al punto di vendita per il rimborso.

La salsiccia è stata prodotta da AIA presso lo stabilimento AGRICOLA TRE VALLI SOC. COOP, mentre le porzioni e il preincarto sono state effettuate nei punti vendita Esselunga.
Per ulteriori informazioni si può contattare il numero messo a disposizione di Aia: 045.8794111.
esselunga

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

polpette carne pesce

Allergeni (uova e soia) non dichiarati in polpette di pesce congelate e Salmonella in un tacchino dalla Polonia… Ritirati dal mercato europeo 99 prodotti

Nella settimana n°13 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

Un commento

  1. 7 marzo 2016
    Sabato in occasione della spesa settimanale, ho portato la salsiccia per il reso.
    *
    Al Banco assistenza l’addetta non sapeva nulla, tuttavia ho notato che sul banco, a disposizione dei clienti, era esposto il comunicato e gliel’ho fatto notare, dicendole che in ogni caso era presente sul loro sito.
    *
    Ho dovuto aspettare alcuni minuti l’arrivo del Capo Reparto che mi ha detto di aver fatto bene a riportare il prodotto, complimentandosi per l’attenzione.
    *
    C’è da dire che se non cercassi sui vari siti della GdO i richiami da pubblicare poi questi sul Blog, non lo avrei saputo. Secondo me le catene della GdO, che i nostri dati li hanno, se facciamo le tessere fedeltà, potrebbero inviare un sms di avviso ai clienti.
    *
    Per quanto riguarda il reso di € 3,41, la procedura è un pò farraginosa in quanto mi hanno detto di avvisare la cassiera al momento del pagamento della spesa, tuttavia io ho fatto la spesa con il palmare, per cui ho dovuto attendere l’addetta all’assistenza, oberata di “riletture” che, a sua volta, ha dovuto chiamare poi una del Banco clienti che le comunicasse, a voce (ma perchè non al telefono?) l’importo da rimborsare.
    *
    Una volta andati alla cassa automatica per le operazioni di pagamento, ha dovuto intervenire in prima persona e mi ha chiesto conferma dell’importo di € 3,91 .. ovvaimente no, dato che era di € 3,41.