Home / Nutrizione / Distributori automatici di cibo delle università spagnole: trionfa la ‘cattiva’ alimentazione

Distributori automatici di cibo delle università spagnole: trionfa la ‘cattiva’ alimentazione

ditributori automatici di cibo, ragazza che digita la sua scelta

Che cosa offrono i sempre più diffusi distributori automatici di cibo? E in che modo vengono posizionati i diversi tipi di alimenti e bevande. Quali sono i prodotti maggiormente promossi e a quale prezzo? Se lo sono chiesto i ricercatori dell’Università dei paesi baschi, motivati da un fatto specifico: la presenza di un gran numero di distributori sul territorio spagnolo, che ne ha uno ogni 80 abitanti, rispetto a una media europea di uno ogni 180. Com’è stato dimostrato in molti studi, le persone mangiano più o meno adeguatamente anche in base a ciò che viene loro proposto nel quartiere dove vivono o lavorano. Per questo, intervenire sulla distribuzione automatica, secondo molti esperti, è uno degli approcci da approfondire ed eventualmente adottare per contrastare le conseguenze della cattiva alimentazione, come l’eccesso di peso. Per intervenire, però, bisogna prima avere un’idea chiara della situazione.

Nel caso specifico, come illustrato su Environmental Research and Public Health, sono stati presi in esame oltre 200 distributori posizionati in tre campus universitari, che contenevano un totale di poco meno di 4.000 tra alimenti e bevande. Attenendosi ai criteri indicati dall’Istituto spagnolo per la sicurezza alimentare e a quelli del Dipartimento della salute del Regno Unito, gli autori dell’indagine hanno analizzato quanto offerto e hanno dimostrato che il gruppo più rappresentato era quello dei dolci, con il 23,4% del totale, seguito dal caffè (20,3%) e dagli snack salati (11,7%).

distributori automatici di alimenti
Il 73,8% dei prodotti disponibili nei distributori automatici sono ultraprocessati

I dati che sconcertano sono però altri: il 48,6% dei prodotti rientrava nella categoria degli alimenti e bevande di basso profilo nutrizionale e addirittura il 73,8% in quella degli ultraprocessati. Inoltre, cibi e bibite più sani sono risultati essere sempre più cari rispetto a quelli peggiori e, come se non bastasse, posti in basso, di lato, quasi sempre in posizioni difficili da vedere, tipicamente dedicate ai prodotti che non si promuovono con troppa convinzione. Inoltre, anche le pubblicità riguardavano soprattutto i prodotti più scadenti ed economici. La situazione emersa non è quindi affatto positiva. Quello dei distributori è un ambito finora poco considerato ma molto importante, sul quale è possibile intervenire senza grandi investimenti, anche solo modificandone il contenuto e la posizione dei prodotti. Un cambiamento che sarebbe opportuno mettere in atto, secondo gli autori, a maggior ragione quando, come in questo caso, si tratta di macchine poste all’interno delle università, cioè di realtà in cui gli studenti possono essere particolarmente attratti dal prezzo, più che dalla qualità, e quindi possono essere portati a consumare più prodotti di cattiva qualità, se sono quasi gli unici proposti.

© Riproduzione riservata; Foto: iStock, Fotolia

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Ragazza mangia piatto di pollo fritto

La maggior parte degli americani crede di avere una dieta più sana di quanto sia in realtà

Quanto sanno le persone (e, nello specifico, gli americani) della qualità della loro dieta? E …

Un commento

  1. Si scandalizzano per i distributori di junk food posti nelle università.

    Possono fare un giro anche per ospedali e centri sportivi.