;
Home / Pubblicità & Bufale / Dietorelle: “no alla pubblicità delle caramelle senza zucchero” dice Vittorio Sgarbi “bisogna proteggere i bambini”

Dietorelle: “no alla pubblicità delle caramelle senza zucchero” dice Vittorio Sgarbi “bisogna proteggere i bambini”

DietorellePer Vittorio Sgarbi la pubblicità delle caramelle Dietor e Dietorelle della Sperlari (*) è immorale per i bambini. Le immagini mostrano una realtà variegata di situazioni di intimità domestica. Il  video mostra due donne che si baciano scambiandosi una caramella, la stessa caramella è la protagonista in una scena in cui un uomo steso in un letto abbraccia due donne. E ancora: le riprese mostrano due adolescenti che si baciano chiudendosi a chiave in camera. Il problema, secondo Vittorio Sgarbi, è che lo spot va in onda a tutte le ore del giorno, anche quando i bambini guardano la televisione. Per questo ha inviato esposti sia all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sia all’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Intervistato dal Corriere della sera l’interessato precisa che «Sono un libertino naturale, però non è possibile che in epoca di ddl Zan si pensi di difendere le categorie fragili come i trans o le lesbiche e non si pensi alla fragilità dei bambini». Secondo  Sgarbi, lo spot «offende la dignità della persona e le convinzioni religiose e ideali, può indurre a comportamenti pregiudizievoli e arrecare pregiudizio morale o fisico a minorenni».

(*) Dietorelle è un marchio dell’azienda cremonese Sperlari oggi di proprietà del gruppo tedesco Katjes International.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Burger King: il nuovo spot con l’hamburger che ammuffisce perché è senza additivi

La catena di fast food Burger King ha lanciato il nuovo hamburger “Moldy Whopper” attraverso …

Un commento

  1. Avatar

    Confermo lo sbigottimento che anche io ho provato alla vista dello spot.

    Come Sgarbi, non voglio fare il moralista ma non capisco il collegamento del messaggio pubblicitario con il prodotto…

    Del resto non tutte le pubblicità vengono bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *