Home / Nutrizione / Una dieta sana allunga la vita. Legumi, frutta secca e cereali integrali fanno guadagnare anche più di 10 anni

Una dieta sana allunga la vita. Legumi, frutta secca e cereali integrali fanno guadagnare anche più di 10 anni

Abbandonare le abitudini alimentari scorrette significa allungare la durata della propria vita, a tutte le età. E nonostante, ovviamente, l’effetto sia più evidente se si incomincia da giovani, anche dopo gli ottant’anni un’alimentazione sana ha conseguenze immediate sull’aspettativa di vita. Questo il messaggio che arriva da uno studio originale, pubblicato su PLoS Medicine dai nutrizionisti ed esperti di salute pubblica dell’Università di Bergen, in Norvegia. Il quesito iniziale era colmare le lacune delle indicazioni della commissione Eat-Lancet, che ha fissato parametri piuttosto rigidi (secondo alcuni spesso irraggiungibili) ma, finora, non ha quantificato gli effetti sulla salute di una dieta che ne tenga conto.

Per questo i ricercatori sono partiti dai dati internazionali dell’incidenza delle malattie del Global Burden of Disease del 2019 e da una serie di metanalisi relative al rapporto tra cibo e salute, e hanno costruito un modello molto facile da utilizzare. In esso infatti si vede l’effetto sulla longevità di un maggior apporto di frutta e verdura fresche, legumi, cereali integrali, frutta secca a guscio, pesce, latticini, così come quello di una diminuzione del consumo di carni rosse, carni lavorate e bevande zuccherate. Come applicazione concreta, i ricercatori hanno poi verificato ciò che accadrebbe se una persona con una tipica alimentazione nordamericana iniziasse ad averne una più vicina alla dieta Mediterranea.

frutta secca
Una dieta ricca di legumi, frutta secca a guscio e cereali integrali e con meno carni rosse e lavorate allunga la vita

I risultati sono abbastanza impressionanti. Per esempio, una ragazza che si orienta verso un’alimentazione corretta a vent’anni, guadagnerebbe più di dieci anni (10,7), un ragazzo addirittura fino a 13, ottenibili dando particolare spazio ai legumi, alla frutta secca a guscio e ai cereali integrali, a scapito delle carni rosse e di quelle lavorate. Ma anche se il cambiamento avvenisse a 60 anni, i benefici resterebbero molto significativi, e pari a 8 anni per le donne e 8,8 anni per gli uomini. Perfino a 80 anni ci sarebbero effetti benefici, che secondo il modello si tradurrebbero in 3,4 anni di vita in più per entrambi i sessi. 

Si tratta di un modello che non tiene conto di molti fattori quali lo stile di vita, eventuali farmaci, i fattori di rischio individuali, che non si esprime sull’età nella quale si iniziano ad avere benefici e che non distingue il ruolo di alcune classi di alimenti come i latticini o i grassi, ma lo scopo, probabilmente, non è quello di raggiungere un livello di precisione alto. Piuttosto, rendendo pubblico il calcolatore Food4HealthyLife, l’intento è sensibilizzare e rendere tutti più consapevoli della grande importanza di ciò che si mangia ogni giorno. Secondo l’Oms, le malattie direttamente attribuibili all’alimentazione scorretta provocano ogni anno 11 milioni di morti e portano alla perdita globale di 255 milioni di anni di vita sana: numeri che potrebbero cambiare non poco, se si modificassero almeno le abitudini peggiori.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com, stock.adobe.com, fotolia.com

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Professional nutritionist holding a fresh apple

Attenti al nutrizionista! Le cattive pratiche che ci devono mettere in allarme

Chiunque desideri farsi seguire da un nutrizionista per un problema di sovrappeso, obesità o per patologie …

7 Commenti

  1. Mandorle, noci, anacardi, noci pecan, nocciole, datteri, albicocche secche e biologiche. D estate forniscono tanta energia pronta all uso per gli sportivi. Si possono mischiare a yogurt vegetali oppure a dei frappe di frutta.. A pranzo un piatto ‘ di cereali integrali e legumi, oppure fresche insalate di riso e la sera verdure crude e cotte a volontà e ogni tanto qualche frittata con uova rigorosamente biologiche
    Questa è anche la dieta dei vegetariani.

  2. Il sindaco di New York sta promuovendo una dieta plant -based anche se lui e il primo a dire di essere imperfetto.Ma dice ” più sei plant based meglio è per la tua salute”. Cosa importante sta portando la dieta vegana vegetariana in 5 strutture sanitarie come dieta base per i pazienti per prevenzione e terapia

  3. Ecco, se altri sindaci seguissero il buon esempio del sindaco di New York avverrebbe un miglioramento e un innovazione sociale,e culinaria.

  4. Sono molti gli studi che sostengono che legumi e frutta secca a guscio siano i migliori alimenti per l’uomo.

    • Tra i legumi, vengono annoverati i” fagioli neri “come il piatto che…” allunga la vita”.

  5. Roberto Stanzani

    Peso forma e attività sportiva, questo è quello che serve. Ma uno studio del genere non lo faranno mai, perché vuoi mettere quanto è più facile trovare un capro espiatorio? Buoni legumi a tutti!

  6. Sottoscrivo la dieta proposta e il fine. Ora dobbiamo diffonderlA più possibile a tutti i livelli