Home / Nutrizione / Più negozi di frutta e verdura per incentivarne il consumo nella dieta quotidiana, ma l’esperimento non dà i risultati sperati. Sconti sostanziosi funzionano di più

Più negozi di frutta e verdura per incentivarne il consumo nella dieta quotidiana, ma l’esperimento non dà i risultati sperati. Sconti sostanziosi funzionano di più

negozio frutta e verdura 81177672
Più negozi ricchi di frutta e verdura per ridurre il consumo di junk food

Tra i molti provvedimenti sperimentati per incrementare il consumo di alimenti sani vi è l’apertura di negozi e supermercati che diano a questo tipo di prodotti un ruolo primario, favorendone l’acquisto, a discapito di altri cibi meno salutari. Non è detto che sia sempre così.

Uno studio pubblicato su Health Affairs dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania insieme con i colleghi della London School of Hygiene and Tropical Medicine ha dato un esito opposto. Oggetto dell’osservazione è stata una zona della periferia di Philadelphia dove sono aumentati i negozi che vendono cibo sano grazie a un programma pubblico, la Pennsylvania Fresh Food Inititiave, presente all’interno dell’Obama Care.

 

L’iniziativa ha lo scopo di incrementare i punti vendita grazie a specifiche forme di incentivi e vincere  quello che viene chiamato food desert, cioè l’assenza di negozi diversi dai supermercati di grandi dimensioni: fatto che ha come conseguenza la diminuzione del consumo di frutta, verdura e alimenti freschi.

 

spesa dieta frutta verdura 469767445
Sia a Philadelphia sia in UK le ricerche hanno dimostrato che l’aumento dell’offerta di cibi sani non ne incentiva il consumo

Nella zona in esame negli ultimi quattro anni sono stati aperti 88 tra negozi e supermercati che rispondevano ai requisiti, ma la situazione non pare cambiata in maniera sostanziale. 650 tra gli abitanti della zona sono stati seguiti e monitorati nelle loro scelte per tutto il periodo, e il risultato è stato che solo il 27% di loro ha eletto uno o più dei nuovi negozi a fornitore preferito, mentre  il 51% del totale vi ha fatto ricorso più o meno saltuariamente.

Non solo: l’apertura dei nuovi punti commerciali non sembra aver avuto effetti significativi sugli acquisti di frutta e verdura né sul tasso di obesità della zona. In altri termini  non c’è stato l’effetto sperato.

 

frutta e verdura dieta quotidiana 452465123
Per incrementare l’acquisto funzionano di più sconti e pubblicità

I coautori britannici che hanno partecipato a indagini simili studiando il comportamento degli inglesi, hanno riscontrato situazioni paragonabili e i dati sono molto simili. «Questo tipo di intervento – hanno commentato gli autori – può essere positivo, ma da solo non basta: funziona solo se inserito in un contesto specifico nel quale siano prese molte e diverse misure per migliorare la dieta quotidiana e combattere sovrappeso e obesità».

Tra i provvedimenti più efficaci, concludono gli autori, vi sono le riduzioni sostanziose di prezzo e la pubblicità mirata verso i residenti della zona, per far conoscere i nuovi esercizi commerciali e la merce proposta.

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Sweet donuts with measurement tape on the green background

Cibo industriale e salute: una dieta basata su alimenti ultra-processati fa ingrassare. Lo rivela uno studio americano

Ora è dimostrato inequivocabilmente, anche se i dati sono stati ottenuti su un campione piccolo …