obesità, Overweight man with big bellyLa cosiddetta Dieta mediterranea ‘verde’, cioè corretta con l’aggiunta di un concentrato di sali minerali, antiossidanti e fibre assunti tramite un frullato e del tè verde, è molto efficace nel ridurre il grasso più pericoloso, quello viscerale: più di quella classica e più di una generica dieta sana ed equilibrata finalizzata alla perdita di peso, ma non di stampo ‘mediterraneo’. Lo confermano i risultati di uno studio chiamato Direct-Plus (da Dietary Intervention Randomized Controlled Trial PoLyphenols UnproceSsed, ne avevamo già parlato qui), evoluzione di altri studi portati avanti dallo stesso gruppo di ricercatori israeliani, italiani, tedeschi e americani (chiamati Direct, Cascade e Central).

Come riferito su BMC Medicine, circa 300 partecipanti, con un’età media di 51 anni e obesità addominale, sono stati invitati a seguire una delle tre diete per 18 mesi, svolgendo anche un po’ di attività fisica. Le due declinazioni della dieta mediterranea prevedevano entrambe l’aggiunta di 28 grammi al giorno di noci (pari a circa 440 milligrammi di polifenoli) ma la versione green anche l’assunzione 3-4 tazze di tè verde e quella di un frullato ottenuto con cubetti congelati di 100 grammi di lenticchia di mare (Wolffia globosa), che fornivano altri 800 milligrammi di polifenoli ogni giorno e consentivano di ridurre il consumo medio di carne (sostituita appunto dai cubetti, molto ricchi di proteine, oltre che di polifenoli, ferro, vitamina B12 e sali minerali altamente biodisponibili).

La Dieta mediterranea green è arricchita con un frullato di lenticchia di mare

Il risultato è stato a favore della dieta mediterranea ‘verde’, perché a fronte di un vantaggio sulla perdita di peso di piccola entità (del 3,9%, contro il 2,7% ottenuto con la dieta mediterranea semplice), chi ha seguito questo regime alimentare ha perso una percentuale di grasso viscerale doppia, del 14,1%, contro il 6,0% della dieta mediterranea normale e il 4,2% di quella di controllo. Anche dal punto di vista della misura della circonferenza della vita, la dieta green ha permesso di perdere l’1% in più (-5,7 contro -4,7%) rispetto alla dieta senza lenticchia di mare.

Come ha ricordato la coordinatrice dello studio Iris Shai, dell’Università Ben-Gurion del Negev, la perdita di peso, di per sé, è importante, ma non tanto quanto la riduzione del grasso viscerale, noto fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Un calo del 14%, anche se può sembrare modesto, non lo è, e oltretutto si può ottenere con un gesto semplice come l’assunzione di un frullato quotidiano, che sostituisce in parte la carne, in quanto ottimale a livello nutrizionale, con vantaggi anche dal punto di vista ambientale. La qualità degli alimenti – conclude Shai – non è meno importante del conteggio calorico, e una dieta come la Green Med contribuisce a far acquisire abitudini che in genere vengono poi mantenute anche dopo la fine del periodo controllato.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Questo è possibile grazie anche ai lettori che ogni giorno ci seguono e supportano. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

Agnese Codignola - 5 Dicembre 2022
0 0 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

5 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
roberto
roberto
21 Dicembre 2022 00:41

“Un calo del 14%, anche se può sembrare modesto, non lo è, e oltretutto si può ottenere con un gesto semplice come l’assunzione di un frullato quotidiano”

E perchè i benefici non potrebbero venire per la maggior parte dall’assunzione delle 4 tazze di the giornaliere descritt, invece che da questo frullato? Che il the abbia effetti termogenici è risaputo, così come la caffeina. Anch’io anni fa sono andato avanti per mesi a bere 1,5-2 litri di the verde al giorno.

Roberto
Roberto
27 Dicembre 2022 11:31

La “Dieta mediterranea ‘verde’, cioè corretta con l’aggiunta di un concentrato di sali minerali, antiossidanti e fibre assunti tramite un frullato e del tè verde”, non si può sentire…

Non metto in dubbio che sia efficace, ma dieta mediterranne e “tè verde” non ci azzeccano niente l’una con l’altro.

IMHO

Brunella
27 Dicembre 2022 23:15

Ma perché dobbiamo mangiare lenticchie di mare e noci importandole da altre parti del mondo? Quanto inquiniamo? Costo? Beneficio? Dieta è stile di vita torniamo alle nostre origini. Frutta, giusta non eccessiva verdura di stagione a volontà rispetto delle tradizioni e del territorio, giuro che si possano fare miracoli senza snaturarci. Il cibo ha una storia ed è cultura, ma va conosciuta e insegnata. Basta col generico uguale per tutti non siamo pecore dolly

Luigi
Luigi
Reply to  Brunella
2 Gennaio 2023 10:44

In effetti per valutare correttamente la dieta “mediterranea asiatica” bisognerebbe tenere conto anche dell’inquinamento da trasporto degli ingredienti esotici.. E in ogni caso, per ridurre il grasso viscerale – invece che affidarsi a presunti “super-cibi” – forse la strategia piú importante è calibrare attentamente la quantitá di carboidrati in base all’effettivo fabbisogno personale. Secondo i suoi detrattori, il punto debole della dieta mediterranea “classica” è proprio la quantitá di carboidrati che essa prevede in confronto ad altri regimi alimentari.

gianni
gianni
2 Gennaio 2023 14:04

Una particolarità sulla Wolffia Globosa
C’è un mastodontico studio, non unico ma una vera pietra miliare………
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7600829/
pagine e pagine di dettagliati studi e sperimentazioni che concludono:
——–The limitations of this study include the inability to assess the origin of the vitamin B12 in the plant, as well as the bioavailability and specific digestibility pathway of vitamin B12 directly among our human participants.———-
Ecco, appunto questo è ciò che si sa.

5
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x