Home / Nutrizione / Più di un milione di abitanti del Regno Unito vive in deserti alimentari: difficile mangiare sano

Più di un milione di abitanti del Regno Unito vive in deserti alimentari: difficile mangiare sano

Deserti alimentariUn milione e duecentomila persone nel Regno Unito vivono in deserti alimentari, cioè in quartieri in cui la povertà, la carenza di trasporto pubblico e la scarsità di grandi supermercati limitano gravemente l’accesso a frutta e verdura fresche a prezzi accessibili. Si tratta  di grandi complessi residenziali fuori dalle città e di quartieri poveri, con una popolazione tra le 5.000 e le 15.000 persone, che hanno solo due supermercati o anche meno, contro i tre-sette delle altre zone, e che quindi sono serviti principalmente da piccoli negozi con prezzi più alti e meno disponibilità di frutta e verdura fresche. Le persone colpite sono quelle più disagiate, gli anziani e i disabili, impossibilitati a spostarsi per fare la spesa.

È quanto rileva uno studio realizzato dalla Social Market Foundation e commissionato da Kellogg’s, da cui emerge anche che il 41% delle persone che vivono in questi “deserti alimentari” non ha un’auto per spostarsi a far la spesa, contro la media nazionale del 23%. Inoltre, il 10% dichiara di aver ridotto la propria quantità di cibo, per consentire ad altri membri della propria famiglia, innanzitutto i bambini, di poter mangiare.

In queste aree si riscontra anche un’alta densità di fast food, il che contribuisce ad aggravare le conseguenze sanitarie di un’alimentazione di bassa qualità e il diffondersi dell’obesità. Precedenti ricerche hanno già evidenziato che costruire semplicemente supermercati non è una risposta per migliorare le abitudini alimentari dei residenti, così come il miglioramento del trasporto pubblico aiuta solo parzialmente. Secondo gli autori della ricerca, è un problema che va affrontato in modo specifico per ogni comunità, in collaborazione tra autorità locali e associazioni che distribuiscono cibo ai più poveri, non esistendo un’unica soluzione adatta per ogni realtà.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement.

Integratori alimentari, quasi nessun effetto positivo sulla salute. L’ennesima conferma da uno studio americano

Quasi nessuna delle linee guida delle società medico-scientifiche lo consiglia, eppure moltissime persone assumono regolarmente …

Un commento

  1. E in Italia come siamo messi?