Home / Nutrizione / Più di un milione di abitanti del Regno Unito vive in deserti alimentari: difficile mangiare sano

Più di un milione di abitanti del Regno Unito vive in deserti alimentari: difficile mangiare sano

Deserti alimentariUn milione e duecentomila persone nel Regno Unito vivono in deserti alimentari, cioè in quartieri in cui la povertà, la carenza di trasporto pubblico e la scarsità di grandi supermercati limitano gravemente l’accesso a frutta e verdura fresche a prezzi accessibili. Si tratta  di grandi complessi residenziali fuori dalle città e di quartieri poveri, con una popolazione tra le 5.000 e le 15.000 persone, che hanno solo due supermercati o anche meno, contro i tre-sette delle altre zone, e che quindi sono serviti principalmente da piccoli negozi con prezzi più alti e meno disponibilità di frutta e verdura fresche. Le persone colpite sono quelle più disagiate, gli anziani e i disabili, impossibilitati a spostarsi per fare la spesa.

È quanto rileva uno studio realizzato dalla Social Market Foundation e commissionato da Kellogg’s, da cui emerge anche che il 41% delle persone che vivono in questi “deserti alimentari” non ha un’auto per spostarsi a far la spesa, contro la media nazionale del 23%. Inoltre, il 10% dichiara di aver ridotto la propria quantità di cibo, per consentire ad altri membri della propria famiglia, innanzitutto i bambini, di poter mangiare.

In queste aree si riscontra anche un’alta densità di fast food, il che contribuisce ad aggravare le conseguenze sanitarie di un’alimentazione di bassa qualità e il diffondersi dell’obesità. Precedenti ricerche hanno già evidenziato che costruire semplicemente supermercati non è una risposta per migliorare le abitudini alimentari dei residenti, così come il miglioramento del trasporto pubblico aiuta solo parzialmente. Secondo gli autori della ricerca, è un problema che va affrontato in modo specifico per ogni comunità, in collaborazione tra autorità locali e associazioni che distribuiscono cibo ai più poveri, non esistendo un’unica soluzione adatta per ogni realtà.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

cirfood food shuttle 2018 c

Food Shuttle: l’educazione alimentare atterra nelle scuole tra esperienze sensoriali e hi-tech

Si può rendere l’educazione alimentare interessante come un’avventura su una navicella spaziale o una visita …

Un commento

  1. E in Italia come siamo messi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *