Home / Nutrizione / Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Redhead woman holding soda refreshment with angry face, negative sign showing dislike with thumbs down, rejection concept sugar taxOltre all’aumento di peso, c’è un motivo non abbastanza sottolineato per evitare di bere bevande gassate, sia zuccherate che dolcificate artificialmente: i danni che fanno ai denti. L’erosione dello smalto, la creazione di un ambiente favorevole alla formazione delle carie e in generale delle infezioni e la discromia si determinano infatti sia con le bibite classiche che con quelle edulcorate artificialmente e, in misura ancora maggiore, con le versioni fai da te che nelle ultime settimane girano su social media come TikTok, nei quali ci sono centinaia di tutorial su come ottenere una bibita dolce e gassata senza comprarne una. 

A mettere l’accento sui rischi delle bevande diverse dall’acqua naturale è uno studio pubblicato sulla rivista ufficiale dell’associazione dei dentisti americani JADA Foundational Science. In particolare i ricercatori dell’Università della Florida di Pensacola hanno analizzato l’acidità di otto bevande senza zucchero, per verificare l’ipotesi che siano dannose quanto quelle zuccherate, usando come controllo positivo la Coca-Cola classica. Tra le bibite figuravano vari tipi di acqua aromatizzata, limonate, l’acqua gassata Perrier e un’acqua alcalina (che quindi dovrebbe neutralizzare l’acidità), usata come controllo negativo. È stato quindi misurato il pH: quello neutro è 7, quello delle sostanze acide è inferiore, mentre quello delle sostanze basiche è superiore. Per tutte le bevande tranne l’acqua alcalina il pH è risultato inferiore a 5,5, cioè al di sotto del limite oltre il quale si ritiene non ci siano danni per i denti. La Coca-Cola classica, come atteso, è risultata molto acida (con un pH di poco superiore a 2), mentre la migliore è risultata essere l’acqua Perrier (pH 5,2), simile alle acque non gassate e non aromatizzate, tutte superiori a 5.

Dentista esamina bocca di una paziente
I dentisti americani hanno voluto verificare se anche le bibite senza zuccheri fossero dannose per i denti come quelle classiche

Ma ciò che ha dimostrato quanto possano essere dannose è stata l’immersione in queste bevande di alcuni molari sani appena estratti, e lasciati in soluzione per 24 ore, per simulare cosa succede dopo un anno di assunzione regolare. Tutti i test effettuati, comprese le indagini tridimensionali sullo spessore dei diversi strati dei denti, hanno confermato le lesioni da soluzione acida. Non ci sono state differenze sostanziali tra quelle cui è stato aggiunto zucchero e quelle con dolcificanti artificiali: entrambe sono risultate pessime per lo smalto e la dentina, e anche le acque aromatizzate non sono state promosse, anche se la loro acidità è inferiore a quella delle bibite classiche. L’unica bevanda che risulta neutra per i denti è l’acqua naturale non aromatizzata, mentre quella alcalina raggiunge pH superiori a 8, ben al di sopra di valori che possono danneggiare i denti.

Il comunicato dell’associazione dei dentisti, poi, cita esplicitamente i video di TikTok: una delle ricette più in voga, infatti, invita a unire acqua aromatizzata e aceto balsamico, e uno dei video che la propongono ha già avuto più di 6,3 milioni di visualizzazioni, anche perché la ricetta è spacciata come ‘naturale’. Molti potrebbero quindi bere questo miscuglio pensando che non faccia male, anzi. Si sbagliano, sottolineano i dentisti americani, perché la miscela mette insieme due soluzioni acide, con il risultato di sottoporre i denti a un lavaggio che li danneggia ancora di più rispetto a quanto non accada con le bibite.

@zoekimkenealy

@Amanda Jones wow. balsamic vinegar and soda water makes a healthy coke #healthycoke #balsalmicvinegar

♬ Yacht Club – MusicBox

Per chi non vuole comunque rinunciare alle bevande gassate, i dentisti pubblicano i loro consigli su come contenere il danno:

  • Usare una cannuccia, sorseggiare e deglutire: non tenere la bevanda in bocca più a lungo del necessario.
  • Attendere un’ora prima di spazzolare i denti, per dare alla saliva la possibilità di lavare via naturalmente gli acidi e indurire nuovamente lo smalto.
  • Sciacquare con acqua, bere latte o fare uno spuntino a base di formaggio subito dopo. I latticini e altri alimenti ricchi di calcio possono aiutare a neutralizzare gli acidi.
  • Mantenere il flusso della saliva per tenere sotto controllo gli acidi e proteggere i denti. Ci si può riuscire anche masticando una gomma senza zucchero.
  • Utilizzare prodotti per la salute dentale come i dentifrici che controllano l’erosione dello smalto e le gomme senza zucchero approvate dalle associazioni dei dentisti.
  • Praticare una buona salute orale ogni giorno: spazzolare due volte al giorno con dentifricio al fluoro, pulire ogni giorno tra i denti con il filo interdentale o un altro detergente interdentale, seguire una dieta sana che limiti cibi e bevande zuccherati e sottoporsi a controlli regolari dal dentista.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock, iStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …