Home / Etichette & Prodotti / Al decollo in Canada l’etichetta che segnala la presenza di troppi grassi, sale o zucchero

Al decollo in Canada l’etichetta che segnala la presenza di troppi grassi, sale o zucchero

Esempi di prodotti con l'etichetta fronte pacco Canadese: Pop Corn e Succo di fruttaAnche in Canada, come accade a dire il vero in molti Paesi, si consumano molto più zucchero, sale e grassi saturi di quanto raccomandano le linee guida per una corretta alimentazione. Gli effetti della diffusione di questo stile alimentare sono evidenti, visto che, come conferma l’agenzia ministeriale per la promozione della salute Health Canada, le malattie croniche legate all’alimentazione, come il diabete, le patologie cardiache, alcuni tipi di tumore, la pressione alta e l’obesità sono le principali cause di morbilità e mortalità nel Paese, con un onere economico stimato a 28,2 miliardi di dollari canadesi (21,26 miliardi di euro) all’anno. Per promuovere scelte alimentari più sane e ridurre i rischi cronici per la salute, il Governo federale ha quindi annunciato che, a partire dal 20 luglio 2022, entrerà in vigore nel Paese una nuova etichetta fronte pacco.

La segnalazione, di colore bianco e nero, evidenzierà con una lente d’ingrandimento gli alimenti che contengono eccessive quantità di almeno un elemento tra zucchero, sale e grassi saturi, indicando chiaramente quale di questi è presente in quantità eccessiva. La nuova etichettatura riguarda però essenzialmente gli alimenti confezionati e preparati con diversi ingredienti. Restano invece sostanzialmente esclusi diversi prodotti, soprattutto quelli venduti allo stato grezzo (non lavorati o poco lavorati) e l’esclusione è motivata da Health Canada in maniera diversa a seconda della tipologia di prodotti.

esempi di etichetta fronte pacco Canada
La nuova etichetta canadese, in versione verticale o orizzontale a seconda del formato della confezione, evidenzia i nutrienti in eccesso

Tra gli alimenti esclusi dal provvedimento ci sono quelli ritenuti benefici per la salute, come la frutta e la verdura (anche surgelate), la frutta secca e gli oli vegetali. A questi si aggiungono però anche diversi prodotti, prevalentemente di origine animale, che sarebbero invece da limitare. Tra i latticini, per esempio, spiccano latte e yogurt non zuccherati, raccomandati come fonte di calcio, ma anche i formaggi, nonostante questi siano generalmente salati durante la lavorazione e possano contenere grandi quantità di grassi saturi. Sono inoltre esonerati dall’etichettatura le uova intere, il pesce e la carne crudi (interi o macinati). Si escludono infine quei prodotti, come sale, zucchero, burro e simili, per i quali l’etichetta ‘con la lente’ sarebbe ridondante.

La soluzione proposta dal governo canadese giunge probabilmente alla fine di un ampio dibattito con i diversi portatori di interesse coinvolti nell’operazione, a conclusione del quale le autorità responsabili di aver preso la decisione sentono la necessità di chiarire alcuni aspetti. Dal ministero si precisa quindi che l’intento della nuova indicazione non è quello di classificare il cibo come sano o malsano in termini assoluti. “Abbiamo bisogno di un modo semplice e veloce per sapere esattamente quali sono le opzioni più sane”, ha dichiarato il ​​ministro della Salute Jean-Yves Duclos. Le aziende avranno comunque il tempo per mettersi in regola (tre anni e mezzo), visto che il termine ultimo per l’applicazione della nuova etichetta su tutti i prodotti circolanti nel paese è il primo gennaio 2026.

© Riproduzione riservata; Foto: www.canada.ca; Fotolia

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Guarda qui

NutrInform Battery

NutrInform Battery: il ministero della Salute lancia l’app da scaricare in contrapposizione al Nutri-Score

Il ministero della Salute assieme ad altri enti (*) ha realizzato un’app per permettere ai …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *