Home / Pubblicità & Bufale / Danone ritira la domanda per i claims salutistici di Activia e Actimel in attesa della riunione Efsa

Danone ritira la domanda per i claims salutistici di Activia e Actimel in attesa della riunione Efsa

Alla borsa di Parigi a metà aprile il titolo della Danone ha perso il 3%, dopo l’annuncio dell’azienda sul ritiro dei dossier inviati all’Efsa, per l’approvazione delle diciture salutistiche relative agli yogurt Actimel e Activia.

La questione è rimbalzata su diversi giornali e Danone ha diramato un comunicato dove sostieneche il ritiro è collegato al prossimo incontro indetto dall’ EFSA in giugno, dove verranno discussi i  criteri di valutazione per giudicare la veridicità dei claims alimentari salutistici. L’altra notizia è che 386 aziende hanno chiesto al presidente dell’UE Manuel Barroso di ridiscutere il sistema di valutazione utilizzato dall’Efsa per valutare le diciture salutistiche dei prodotti alimentari.

La petizione è scaturita dalla severità adottata dal gruoppo di esperti per  giudicare le diciture sulle etichette dei prodotti alimentari probiotici che promettono vantaggi per l’organismo. L’ultimo report diramato da febbraio dagli esperti di Parma ha bocciato il 98% (430 su 439) delle scritte, mentre l’anno scorso ne sono  state bocciate il 67 %  (350 su523), a cui se ne aggiungono 46 su 57 che vantavano improbabili benefici per la salute dei bambini (miglioramento della memoria, incremento della vista, maggiore capacità di apprendimento…).

Di fronte a questa selezione severissima  le aziende cercano di correre ai ripari per salvaguardare un settore che, secondo un articolo del quotidiano Le Monde del 16 aprile firmatoda Yves Mamou negli ultimi cinque anni è cresciuto del 25,6% passando da 100,1 a 125,7 milioni di euro (Euromonitor). Ma le previsioni del giornale francese non sono ottimistiche: “l’Efsa non cambierà metodo di valutazione, per cui le aziende alimentari che hanno scelto come elemento strategico la salute dei consumatori devono fare massicci investimenti per supportare studi clinici molto documentati per validare le diciture salutistiche”. Danone Italia ha precisato che la comunicazione relativa ad Actimel e Activia non necessita di alcuna variazione. In attesa di nuovi sviluppi va però evidenziato che lacomunicazione sulla veridicità e attendibilità dei prodotti Danone è stata messa in discussione diverse volte nel 2009.

Ecco un breve riassunto delle vicissitudini

Marzo 2009

TROPPE BUGIE NEGLI SPOT DI DANACOL E PRO-ACTIV. MULTA DA 400 MILA

L’Antitrus tha censurato pesantemente le pubblicità degli yogurt anticolesterolo Danacol della Danone e Pro-Activ dell’Unilever. Le multe ammontano rispettivamente a 300 e a 100 mila euro.

Settembre 2009

USA:DANONE INCIAMPA SULLA PUBBLICITA’ DI ACTIVIA-ACTIMEL E VERSA 35 MILIONI

La Danone americana costituirà un fondo di 35 milioni di dollari per risarcire i consumatori di yogurt Activia e Actimel che sono stati ingannati dalla pubblicità. E’doveroso ricordare che anche in Italia la pubblicità di yogurt Actimel è stata censurata nel 2004 dal Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria permotivi molto simili.

Ottobre 2009

DANONE E ACTIMEL ANCHE L’INGHILTERRA CENSURA LO SPOT

In Inghilterra l’Advertising Standards Authority (autorità chevaluta la veridicità della pubblicità) ha censurato lo spot pubblicitario dello yogurt Actimel di Danone, perché lasciava intendere di poter migliorare le difese immunitarie dell’organismo e  di proteggere meglio i giovani.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agata Deppieri

Guarda qui

Adriano Panrizoni

Panzironi non rispetta la sentenza dell’Antitrust, probabile l’arrivo di altre pesanti sanzioni

Adriano Panzironi rischia una seconda pesante sanzione dall’Antitrust dopo quella di 476 mila euro del …