;
Home / Nutrizione / Dieta crudista per cani e gatti, i pro e i contro di una scelta sempre più popolare

Dieta crudista per cani e gatti, i pro e i contro di una scelta sempre più popolare

Golden retriever and British short hair cat

La scelta di una dieta crudista per cani e gatti che vivono in casa è sempre più popolare, ma sarà adatta alle esigenze degli animali domestici? Spesso le scelte alimentari di chi deve nutrire i propri animali si basano su presupposti non corretti. Tra le più diffuse convinzioni errate che riguardano la dieta di cani e gatti vi è in primo luogo la definizione di carnivori. Il termine Carnivora, che identifica i mammiferi per i quali l’alimento più consumato è la carne, viene infatti comunemente interpretato come definizione di animali che devono mangiare esclusivamente carne. In realtà la carne ricopre un ruolo diverso nelle diete in relazione alle singole specie. Il gatto selvatico, per esempio, è un ipercarnivoro e si nutre quasi esclusivamente di carne. I gatti domestici sono rimasti carnivori durante l’addomesticamento e la loro dieta naturale include una gamma di prede, come piccoli mammiferi, rettili, uccelli e insetti.

Diversamente, lupi e cani, pur avendo una dieta basata soprattutto sulla carne, digeriscono anche i vegetali. I canidi selvatici non si nutrono infatti soltanto di carne (muscolo, frattaglie e ossa), ma anche del contenuto intestinale degli erbivori e, in taluni periodi dell’anno, come nei mesi invernali, persino di vegetali. Non è tuttavia da trascurare che il cane domestico si è già largamente adattato a una dieta onnivora di tipo umano per cui si possono nutrire anche di vegetali, soprattutto se modificati dalla cottura.

Dieta crudista, ciotola con cibo crudo con cane
L’interesse per la dieta crudista di cani e gatti, è da ricercare nella voglia di ritorno alla natura, spesso idealizzata, che caratterizza le società industrializzate

Nelle famiglie italiane vi sono circa quindici milioni di cani e gatti e, negli ultimi anni, il mondo della nutrizione di questi animali ha visto la diffusione di stili alimentari di tipo ‘bambinesco’ (gli snack rappresentano il ramo del pet food di maggiore crescita) e di molteplici filosofie. Tra queste, la dieta crudista è la più popolare all’estero e si va diffondendo anche in Italia. La causa di questa suggestione probabilmente è da ricercare nella voglia di ritorno alla natura, spesso idealizzata, che caratterizza le società industrializzate. Per questo motivo, vi sono proprietari di animali che si rivolgono a un’alimentazione che ritengono più naturale come, per l’appunto, la dieta crudista, denominata Barf (Biological appropriate raw food o Bone and raw food), che comprende muscoli, organi interni e ossa di mammiferi, pesci o pollame, latte non pastorizzato e uova crude.

I sostenitori del crudismo alimentare rivendicano la superiorità nutrizionale di queste diete e i benefici per la salute dei loro cani e gatti con affermazioni non provate, ma plausibili, come una migliore appetibilità, denti più puliti e pelo lucido. Non bisogna però trascurare che la dieta di un animale selvatico, con una vita relativamente breve, non è automaticamente trasferibile a quella di un animale domestico, che vive molto più a lungo, in un ambiente diverso e con un differente stile di vita. Lo dimostra il fatto che fra cani e gatti domestici si osservano patologie nutrizionali come il sovrappeso e l’obesità, sconosciute negli animali selvatici. I fautori dell’alimentazione con carne cruda spesso vantano anche un migliore stato immunitario degli animali, che sembra dipendere dalla presenza di batteri provenienti da pelle, piume o dai visceri.

dieta crudista, carne cruda verdura, uovo e ciotola per animali domestici
Gli alimenti crudi possono contenere microorganismi potenzialmente patogeni che non sono stati eliminati dalla cottura

Il rovescio della medaglia è però che le carni e, soprattutto, i visceri e le ossa non cotte possono contenere batteri e parassiti potenzialmente patogeni, che invece vengono distrutti dalla cottura. Questo causa rischi sanitari sia per gli animali sia per i proprietari. Tra questi rischi, troviamo le Salmonelle e altri microrganismi potenzialmente pericolosi, come Escherichia coli, Clostridium, Campylobacter, Listeria, Toxoplasma gondii ed Echinococcus multilocularis. Un tempo c’era anche, nei gatti alimentati con polmone, l’infezione da Micobacterium tuberculosis var. bovis. Accanto ai rischi per la salute degli animali, vi è poi anche la possibilità d’infezione per l’uomo, attraverso una diffusione dei microrganismi potenzialmente pericolosi contenuti nelle deiezioni degli animali. È proprio per questo genere di problematiche che, negli Stati Uniti, alcuni produttori trattano le carni crude per animali con un processo di pastorizzazione ad alta pressione che elimina i batteri. Infine, un’alimentazione con carni crude con ossa può causare negli animali fratture ai denti e danni gastrointestinali.

©Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giovanni Ballarini

Giovanni Ballarini
Professore Emerito dell’Università degli Studi di Parma e docente nella Facoltà di Medicina Veterinaria dal 1953 al 2002

Guarda qui

mensa

Porzioni più piccole e cibi di migliore qualità in mensa per combattere l’obesità: la ricetta dei ricercatori di Cambridge

Ridurre le porzioni e la disponibilità di alimenti di bassa qualità: è questa la ricetta …

6 Commenti

  1. Avatar

    Appunto… Gravi danni intestinali.e gastroenteriti..Con un alimentazione cruda rischia il gatto, ma anche il proprietario..

  2. Avatar

    Fate molta attenzione. I gatti hanno bisogno di una dieta estremamente bilanciata sopratutto per i gatti domestici che vivono in casa e si muovono poco. Per non parlare dei gatti anziani. No sono letteralmente contraria a questo tipo di alimentazione che sta prendendo piede e che potrebbe creare seri danni alla loro salute..

  3. Avatar

    il mio cane mangia carne cruda, interiora crude ed ossa polpose crude da sempre, con poca frutta e verdura e niente carboidrati, ha 5 anni e non ha mai visto il veterinario se non per le scadenze programmate di vaccini e richiami…
    siamo fortunati, lo so

  4. Avatar

    vero, ma dal veterinario c’erano animali molto più giovani con un sacco di problemi buona parte riconducibili all’alimentazione… meno fortunati probabilmente

  5. Avatar

    La mia gatta, adottata già adulta ha vissuto 19 anni. Non gli ho mai fatto fare nessun vaccino, ha sempre mangiato scatolette e croccantini di alta qualità, e ogni anno ha preso sempre i suoi fermenti lattici. E deceduta di vecchiaia con me sempre accanto a lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *