Home / Coronavirus / Cina, nuovo focolaio a Pechino: 106 contagi legati a un mercato alimentare. Scatta il lockdown per 21 complessi residenziali

Cina, nuovo focolaio a Pechino: 106 contagi legati a un mercato alimentare. Scatta il lockdown per 21 complessi residenziali

Dopo aver fatto il giro del mondo, alla fine il coronavirus è tornato in Cina. A Pechino, capitale del colosso asiatico, è scoppiato un nuovo focolaio di Covid-19, che al momento conta 106 casi e ha fatto scattare il lockdown per 21 complessi residenziali. Come riporta il quotidiano South China Morning Postil nuovo focolaio  alimenta il timore di una seconda ondata di contagi per la Cina e Pechino, che usciva di un periodo di 55 giorni consecutivi senza nessun caso di trasmissione locale.

Il focolaio appare strettamente legato al mercato all’ingrosso Xinfadi, un grosso centro di distribuzione di generi alimentari che si estende su un’area da 107 ettari e che rifornisce le province settentrionali di Shandong, Shanxi, Hebei e Liaoning. E proprio in queste province sono stati registrati altri cinque casi direttamente collegati al mercato Xinfadi, racconta sempre il South China Morning Post.

A Pechino sono stati diagnosticati 79 casi domestici di Covid-19 legati a un mercato alimentare all’ingrosso

La città di Pechino ha chiesto ai cittadini che negli ultimi 14 giorni si sono recati nel mercato al centro del nuovo focolaio di rimanere a casa. Il primo caso, diagnosticato giovedì 11, è quello di un uomo che non aveva viaggiato all’estero o avuto contatti con persone rientrate in Cina da altri paesi, mentre il secondo è un ispettore della carne: entrambi erano stati al mercato Xinfadi all’inizio del mese di giugno. Da allora il numero dei casi è salito rapidamente a 106, gli ultimi 32 diagnosticati nella giornata di lunedì 15 giugno.

21 aree residenziali attorno al mercato sono state messe sotto lockdown, con controlli agli ingressi in attesa di tamponi per tutti i 90 mila residenti. Domenica 14 giugno erano già state testate circa 76.500 persone. Più di 6 mila dipendenti del mercato Xinfadi (il 70% del totale) sono stati testati e sono risultati negativi al Covid-19.

Come il virus sia arrivato al mercato è ancora un mistero, ma le prime analisi genetiche sembrerebbero indicare che il virus sia stato reimportato dall’Europa, ha dichiarato alla TV di stato cinese Yang Peng, un epidemiologo del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Pechino. Una cosa è certa: è diffuso il timore che i 106 contagi accertati siano solo la punta dell’iceberg e che ci siano decine di altri casi ancora da scovare. Che sia davvero l’inizio di una seconda ondata?

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

frutta e verdura mercato

Frutta e verdura di stagione (e locali) sono migliori per l’ambiente e per la salute. L’analisi dell’Eufic

Frutta e verdura sono fondamentali se si vuole seguire un’alimentazione sana, ma se scegliamo quella …

Un commento

  1. Avatar

    Forse una vendetta celeste dal paradiso degli animali??? Forse apparirà un Buddha Maitreya per ammonire di nuovo
    gli umani che hanno perso ogni compassione per i loro fratelli animali? Forse, forse, forse……
    Ma non occorre essere Buddhisti o Gandhiani per passare una dieta compassionevole, forse basterebbe cercare qualche statistica sui consumi montanti di carni e sulle patologie correlate.