Home / Coronavirus / Coronavirus: tampone ai sanitari e a chi ha avuto contatti a rischio. Appello di Gimbe, Istituto tumori Regina Elena e San Gallicano di Roma

Coronavirus: tampone ai sanitari e a chi ha avuto contatti a rischio. Appello di Gimbe, Istituto tumori Regina Elena e San Gallicano di Roma

coronavirus

 

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE SUI CASI DI CORONAVIRUS

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

In Italia nel corso dell’epidemia da coronavirus 4.824 operatori  sanitari hanno contratto l’infezione. Si tratta del 9% delle persone contagiate, oltre il doppio rispetto al 3,8% dei casi riscontrati in Cina come si legge su JAMA. Secondo Nino Cartabellotta presidente della Fondazione Cimbe si tratta di un dato anomalo visto che «Un mese dopo il caso 1 di Codogno , i numeri dimostrano che abbiamo pagato molto caro il prezzo dell’impreparazione organizzativa e gestionale all’emergenza: dall’assenza di raccomandazioni nazionali a protocolli locali assenti o improvvisati; dalle difficoltà di approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale (DPI), alla mancata esecuzione sistematica dei tamponi agli operatori sanitari». Tutte queste attività, inclusa la predisposizione dei piani regionali, sono previste dal “Piano nazionale di preparazione e risposta ad una pandemia influenzale” pubblicato dopo l’influenza aviaria del 2003 dal ministero della Salute e aggiornato al 10 febbraio 2006.Questo piano avrebbe dovuto essere adottato il 31 gennaio subito dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

«La mancanza di policy regionali univoche sull’esecuzione dei tamponi agli operatori sanitari, conseguente anche al timore di indebolire gli organici – continua Cartabellotta – si è trasformata in un boomerang. Gli operatori sanitari infetti sono stati purtroppo i grandi e inconsapevoli protagonisti della diffusione del contagio in ospedali, residenze assistenziali e domicilio di pazienti». Per questa ragione la Fondazione Gimbe invita tutte le Regioni, sulla scia di quanto già deliberato in Emilia Romagna e Calabria, a mettere in priorità assoluta l’esecuzione di tamponi a tutti gli operatori sanitari, sia in ospedale, sia sul territorio, con particolare attenzione ai professionisti coinvolti nell’assistenza domiciliare e nelle residenze assistenziali assistite, oltre che in case di riposo.

Coronavirus, la priorità assoluta è fare i tamponi a tutti gli operatori sanitari

L’auspicio è che l’Istituto superiore di sanità riveda il documento per garantire la massima protezione di professionisti e operatori sanitari, che tutte le Regioni dispongano di effettuare i tamponi a tutti gli operatori in prima linea contro l’emergenza e che la fornitura di mascherine per medici, operatori sanitari e pazienti sia adeguata.

Analogo l’appello rivolto da Gennaro Ciliberto (direttore scientifico Istituto nazionale tumori Regina Elena di Roma) e Aldo Morrone (direttore scientifico Istituto dermatologico San Gallicano Roma)  in una lettera pubblicato sul sito Quotidiano Sanità. Bisogna cambiare la strategia perché i provvedimenti adottati sino ad ora non bastano. “E’ opportuno intraprendere un’azione di screening per il contagio per tutto il personale sanitario, benché asintomatico, per identificare anche in questo caso i soggetti portatori e metterli in quarantena a casa fino al momento della loro negativizzazione. Ciliberto e Morrone ritengono “necessario ricorrere ad un diverso approccio rispetto a quanto fatto finora per identificare le persone contagiate e fare in modo che entrino in una stretta quarantena. E come? Con una nuova strategia che prenda ispirazione dall’evidenza scientifica ormai ben comprovata sia da pubblicazioni su riviste internazionali di alto livello, identificando i portatori sani del virus perché possono essere diffusori della malattia”.

Occorre “tamponare” tutte le persone con cui i nuovi malati sintomatici e positivi al test sono stati in contatto negli ultimi giorni.

“Per identificare i portatori sani – continuano Ciliberto e Morrone – occorre fare i tamponi sui sospetti portatori asintomatici, e farlo in maniera molto mirata. E’ ovvio che è impossibile ma anche non necessario fare tamponi su 60 milioni di cittadini, e oltretutto, ripeterli nel tempo in quanto non è detto che la negatività in un giorno non diventi positività nei giorni successivi. Occorre seguire un criterio razionale, che è quello di andare a “tamponare” tutte le persone con cui i nuovi malati sintomatici e positivi al test sono stati in contatto negli ultimi giorni. E, qualora alcuni di essi risultassero positivi, tenerli sotto osservazione a casa ed evitare che abbiano ulteriori contatti con altre persone, inclusi i familiari. È necessario un cambio di strategia perché finora i tamponi sono stati eseguiti solo a soggetti sintomatici che arrivano in ospedale in condizioni di malattia già conclamata.  Bisogna pianificare un aumento dei tamponi da prelevare e dei test da effettuare seguendo questi criteri, con un adeguato investimento di risorse che dovrebbe diventare di assoluta priorità.

Altri articoli

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE SUI CASI DI CORONAVIRUS

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

Coronavirus: il 20 marzo si contano quasi 38mila positività (+ 4.670) e oltre 4000 vittime (+627 morti) del 20 marzo 2020

SUPERMERCATI/SPESA

Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende, cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica del 20 marzo 2020

Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo del 17 marzo 2020

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

– Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

PRODOTTI ALIMENTARI/DIETA

Pane, salumi e coronavirus: come comportarsi con questi alimenti? Le precauzioni spiegate da Antonello Paparella del 12 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR  del 12 marzo 2020

NUMERI/STATISTICHE

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

– Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

IGIENE/PREVENZIONE

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: incubazione, contagio e sintomi, l’Istituto Mario Negri risponde ai cittadini del 29 febbraio 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

VARIE /COSTUME

Panzironi: integratori contro il coronavirus. L’Agcom apre un nuovo procedimento e bacchetta La7 per le ospitate del 20 marzo 2020

La vitamina C non protegge dal coronavirus. Un’altra bufala social smontata da “Dottore, ma è vero che…?” del 20 marzo 2020

Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale del 19 marzo 2020

© Riproduzione riservata

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Il coronavirus si può trasmettere attraverso la carne? Il parere del BfR dopo l’emergenza contagi nei macelli tedeschi

In Germania la situazione dei contagi nei macelli è grave: al momento sono almeno 1.500 …