Home / Etichette & Prodotti / Covid-19, come la pandemia ha cambiato la spesa e le abitudini alimentari dei consumatori in Europa

Covid-19, come la pandemia ha cambiato la spesa e le abitudini alimentari dei consumatori in Europa

Durante la pandemia le abitudini dei consumatori italiane sono cambiate: il tempo trascorso ai fornelli è aumentato, sono stati svaligiati gli scaffali di pasta, farina e lievito, e i carrelli si sono riempiti di prodotti a lunga conservazione. E le cose non sono andate in modo molto differente nel resto d’Europa, a giudicare dai risultati di uno studio sugli acquisti e i consumi alimentari durante la pandemia.

Il sondaggio, realizzato con l’obiettivo di misurare i cambiamenti nei comportamenti legati al cibo in seguito ai lockdown e alle varie misure restrittive adottate in giro per l’Europa, è stato condotto nel settembre 2020 da EIT Food in collaborazione con un consorzio di università e ha coinvolto 5 mila consumatori di 10 Paesi: Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Regno Unito, Romania, Spagna e Svezia.

Home delivery of food grocery bag left at door mat for Corona virus spreading safety. Precaution measures against COVID-19, paper bag delivered without contact.
Il ricorso alla spesa online è aumentato per il 45% dei consumatori europei, sia con consegna a domicilio sia con ritiro al punto vendita

Cambiamenti delle abitudini dei consumatori sono state osservate in tutti i Paesi, e riguardano il modo in cui si fa la spesa e la scelta dei prodotti da portare a tavola. Come aveva già mostrato il Rapporto Coop per l’Italia, in tutta Europa è aumentato molto il ricorso agli acquisti online, in crescita per il 45% dei partecipanti, sia con consegna a domicilio sia con ritiro presso il punto vendita (click and collect). Un vero e proprio boom è stato registrato in Grecia, dove il 60% dei consumatori afferma di aver aumentato le spese online.

Durante la pandemia per quasi la metà dei partecipanti (47%) è cresciuta anche la tendenza a fare spese abbondanti, in modo da avere scorte per affrontare improvvisi inasprimenti delle misure anti-contagio. Sono aumentati anche i consumatori che pianificano con attenzione gli acquisti (45%), probabilmente con l’obiettivo di passare meno tempo possibile all’interno del supermercato.

Anche le difficoltà economiche che hanno colpito molti consumatori europei – il 34% afferma di aver avuto una diminuzione nelle entrate – si sono riflesse nei comportamenti delle persone. In tutti i Paesi, e in particolare in Spagna, si osserva una certa tendenza verso l’acquisto di alimenti più economici, e il corrispondente calo dei prodotti più costosi (tranne in Francia, dove invece sono cresciuti).

The chef in black apron makes pizza dough with your hands on the table
I consumatori italiani sono quelli che in Europa hanno aumentato di più l’uso di farina in cucina

In generale, sono aumentati i consumi di tutte le categorie di prodotti alimentari, frutta e verdura in testa. È cresciuto in Europa anche l’uso di farina in cucina, e non sorprende affatto scoprire che il Paese in cui è accaduto di più è proprio l’Italia, dove quasi una persona su due afferma di averne aumentato gli acquisti (49%). Salgono anche i consumi di latticini, pollame, dolci, cioccolato e snack, mentre calano solo due categorie, gli alcolici e la carne rossa.

Tra la pandemia e le proteste per il clima è aumentata anche l’attenzione per il packaging dei prodotti, che si ritrova al centro di tendenze contrastanti. Da una parte, un terzo (33%) dei consumatori confessa di preferire più di prima gli alimenti preconfezionati per questioni igieniche, dall’altra una percentuale simile (29%) di persone afferma di cercare di acquistare più prodotti sfusi o in imballaggi 100% riciclabili o biodegradabili.

In tutti i Paesi è cresciuto il tempo passato ai fornelli, soprattutto per la fascia di consumatori tra i 18 e i 35 anni, il 43% dei quali afferma di aver cucinato di più. Il 39% delle persone, inoltre, riporta di aver sperimentato di più con ricette nuove, soprattutto in Spagna, Italia e Grecia. Di conseguenza, a questa riscoperta della cucina corrisponde un calo negli acquisti di piatti pronti e dell’abitudine a fare spuntini tra i pasti per circa un terzo dei consumatori, ad eccezione della fascia 18-35 anni in cui un terzo delle persone riporta di aver aumentato gli snack fuori pasto.

Foto: stock.adobe.com

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

mgaphone : nutriscore

Nutri-Score, sette Paesi si alleano per facilitare l’uso dell’etichetta a semaforo

I Paesi che hanno adottato il Nutri-Score si alleano. Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, …

Un commento

  1. Avatar

    E se, all’interno della pandemia, qualcuno avesse pensato bene di pianificare la mazzata finale ai negozi fisici? Viste le percentuali di aumento degli acquisti online, pensar male è lecito. Considerato anche il potere attualmente raggiunto da Amazon e simili…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *