Home / Pianeta / Coop contro la violenza sulle donne: il numero antiviolenza 1522 sulle confezioni dei prodotti a marchio

Coop contro la violenza sulle donne: il numero antiviolenza 1522 sulle confezioni dei prodotti a marchio

coop latte 1522In vista del prossimo 25 novembre, “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” Coop lancia un’imponente campagna di informazione e sensibilizzazione. L’iniziativa partirà con 2 milioni di confezioni di latte UHT a marchio Coop (il quantitativo necessario per coprire un mese di vendita) che si tingeranno di rosa, in un’edizione speciale che porta in evidenza il numero antiviolenza 1522. Dopo le confezioni di latte faranno seguito altre 15 referenze per arrivare a coprire a fine 2023 le etichette di circa 1000 prodotti a marchio Coop. E ancora lo stesso numero sarà impresso sugli scontrini, su adesivi apposti alle porte delle toilette e immagini sui carrelli.

La catena di supermercati sta inoltre pianificando di inserire sulle confezioni dei prodotti a marchio Coop un messaggio discreto che invita a contattare il numero antiviolenza e antistalking 1522. Le due iniziative vogliono favorire la conoscenza di questo servizio fondamentale per attivare un primo contatto e avviare percorsi di aiuto per tutte quelle donne che vivono nella paura o che hanno già subito violenza o stalking.

L’1% dei ricavi delle vendite di questi prodotti, nel mese di novembre, sarà infatti destinato alle organizzazioni che offrono rifugio e assistenza psicologica in tutti i territori in cui è presente Coop Alleanza 3.0, una per ogni provincia. Il numero 1522 è accessibile gratuitamente sia da rete fissa sia mobile su tutto il territorio nazionale, 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, e in più lingue. È gestito dall’associazione Differenza Donna per conto del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Per ricevere un aiuto si può anche chattare con un’operatrice direttamente sul sito ufficiale del 1522.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Dalla pesca illegale al traffico di esseri umani: il problema dei pescherecci che si rendono invisibili

C’è un modo per identificare chi pesca illegalmente, almeno nelle acque dove lavorano pescherecci dotati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *