Home / Nutrizione / Consumo di alcol in Italia: troppi i giovani a ‘maggior rischio’ anche nel biennio 2020/2021

Consumo di alcol in Italia: troppi i giovani a ‘maggior rischio’ anche nel biennio 2020/2021

Drinking competition at rooftop partySono ancora soprattutto giovani, uomini, socialmente avvantaggiati e residenti nel nord Italia i consumatori di alcol ‘a maggior rischio’ nel nostro Paese. È questo ciò che emerge dall’ultima rilevazione sull’alcol del sistema di sorveglianza Passi (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia), realizzata dalle Asl e coordinata dal Iss (Istituto superiore di sanità) con l’obiettivo di monitorare lo stato di salute della popolazione adulta italiana. L’indagine, invece di proporre il tradizionale focus quadriennale, considera il biennio 2020-2021 per meglio distinguere i dati relativi al periodo di massimo impatto della pandemia sui comportamenti e gli stili di vita. Le tendenze che emergono dal biennio considerato, sembrano comunque sostanzialmente in linea con il quadriennio precedente.

Risulta quindi dai dati resi noti che solo il 44% degli adulti di età compresa tra i 18 e i 69 anni ha dichiarato di non aver consumato bevande alcoliche negli ultimi 30 giorni. In compenso una persona su sette (15%) ne ha fatto un consumo definito a ‘maggior rischio‘ per la salute, per quantità o modalità di assunzione. I comportamenti di consumo considerati a ‘maggior rischio’ sono di diverso tipo, tra questi spicca il cosiddetto binge drinking, cioè il consumo di un alto numero di unità alcoliche* in un’unica occasione (cinque o più per gli uomini e quattro o più per le donne), che riguardano l’8% degli intervistati. Un altro esempio è rappresentato dal consumo esclusivamente/prevalentemente fuori pasto, che coinvolge il 7% della popolazione considerata. Il 2% del panel, inoltre, è a maggior rischio per un consumo abituale elevato, corrispondente a tre o più unità alcoliche giornaliere per gli uomini e due o più per le donne.

Uomo in sovrappeso guarda con espressione imbronciata un boccale di birra
La maggior parte dei consumatori a rischio sono giovani maschi di buona condizione socio-culturale che abitano prevalentemente nel nord Italia

Ma chi sono questi consumatori ‘a maggior rischio’? Come accennavamo all’inizio, sono soprattutto giovani, visto che il 30% ha fra i 18-24 anni. La presenza di consumatori ‘a maggior rischio’ tra gli uomini è poi maggiore di quanto non sia nella popolazione generale (19% vs 15%) e, per la maggior parte, si tratta di persone senza difficoltà economiche o con un alto livello di istruzione. È inoltre particolarmente preoccupante il numero di persone che assume alcol pur avendo una controindicazione assoluta, come i pazienti con malattie del fegato, fra i quali oltre la metà dichiara di aver consumato alcol durante il mese precedente l’intervista. Anche il 12% delle donne in gravidanza riferisce di aver bevuto alcol nei 30 giorni precedenti mentre, fra coloro che allattano al seno, la quota sale al 30%.

Dal punto di vista geografico, resta ancora una distinzione legata alle tradizioni locali. Il consumo di alcol a ‘maggior rischio’ è infatti storicamente più diffuso nel Nord Italia, come pure il consumo di tipo binge. Le regioni che registrano il peggior valore nazionale per entrambi gli aspetti sono Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Molise, Piemonte, Provincia di Bolzano e Trento e Veneto, mentre le regioni che, sugli stessi aspetti, hanno i migliori valori nazionali sono Lazio, Basilicata, Campania e Puglia. Segnaliamo però che nelle rilevazioni non è compresa la Lombardia. Questa regione ha infatti partecipato al sistema Passi con alcune Asl fino al 2017, ma poi ha abbandonato malgrado il Dpcm di istituzione della sorveglianza la definisca un’attività a rilevanza nazionale a cui tutte le regioni ‘progressivamente’ dovrebbero aderire.

uomo maturo con bottiglia e bicchiera di alcolico, una mano sulla faccia e l'espressione stanca, concept: Alcol Anziani
È preoccupante il numero degli over 65 che assume alcol pur avendone avuta controindicazione assoluta, come il 28% di chi ha malattie al fegato

Prendendo poi in considerazione i dati storici, dal 2010 si osservava un lento ma progressivo aumento del consumo a ‘maggior rischio’, determinato dall’aumento del binge drinking e dell’abitudine di bere fuori dai pasti. Nonostante questo, l’attenzione degli operatori sanitari al problema dell’abuso di alcol appare tuttora inadeguata: appena il 6% dei consumatori a ‘maggior rischio’ riferisce di aver ricevuto il consiglio di bere meno. Se l’attenzione si sposta sulla popolazione con più di 65 anni sia riscontra che, sempre nel biennio 2020-2021, il 60% delle persone ha dichiarato di non consumare abitualmente bevande alcoliche, mentre ne riferisce un consumo moderato il 21% e un consumo definito ‘a rischio’ per la salute, pari mediamente a più di una unità alcolica (Ua) al giorno, il restante 19%. È preoccupante il numero di questa fascia di età che assume alcol pur avendo una controindicazione assoluta, come il 28% delle persone affette da malattie del fegato.

(*) Un’unità alcolica equivale 12 grammi di alcol puro, che corrispondono alla quantità di alcol contenuta in: un bicchiere (125 ml) di vino di media gradazione (12°), 330 ml di birra, 30 di superalcolico

© Riproduzione riservata; Foto: Fotolia, Depositphotos

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *