;
Home / OGM / Coltivazione di OGM, la Commissione cede il passo agli Stati membri

Coltivazione di OGM, la Commissione cede il passo agli Stati membri

Come è ormai noto, il 13 luglio la Commissione Europea ha proposto di accordare agli Stati membri la libertà di autorizzare, limitare o vietare la coltivazione di organismi geneticamente modificati su tutto o su parte del loro territorio.

Si attende perciò una nuova raccomandazione sulla coesistenza tra colture geneticamente modificate e colture tradizionali e/o biologiche, oltre a una proposta di regolamento di modifica della legislazione relativa agli OGM (dir. 2001/18/CE).

In concreto, viene dato ampio spazio di manovra agli Stati membri nell’adottare misure di coesistenza tra le colture OGM e quelle tradizionali – con facoltà di stabilire zone “OGM-free” – tenendo conto delle condizioni ambientali a livello locale, regionale e nazionale. Resterà invece invariato il sistema di valutazione della sicurezza e autorizzazione del commercio in UE di OGM e prodotti da essi derivati. I governi nazionali dovranno informare la Commissione e gli altri Stati membri un mese prima dell’adozione delle misure.

Una vittoria a metà, tanto per gli ecologisti quanto per i fautori del “biotech”. Nessuna novità, invece, per i consumatori, che potranno continuare a scegliere di acquistare prodotti OGM o “OGM-free”, in relazione alle circostanze. Senza entrare nel merito dei pro e contro, non si può tuttavia fare a meno di lamentare il danno che deriva all’Europa unita da un’iniziativa, da alcuni definita “pilatesca”, che di fatto espone i suoi cittadini alle svariate decisioni dei politici locali. I quali potranno decidere di volta in volta se privilegiare la competitività dei loro agricoltori rispetto ai vicini o vantare l’ormai velleitario orgoglio della segregazione rispetto al “nuovo che avanza”.

Dario Dongo

foto: photos.com

14.7.10

 

Avatar

Guarda qui

GMO

Tanti consumatori contrari agli Ogm per pregiudizio. Solo una migliore educazione scientifica può contrastare le bufale

L’opinione pubblica nei Paesi occidentali è, in misura significativa, contraria agli alimenti geneticamente modificati o …