Home / Etichette & Prodotti / Cirio e Mutti: le novità nei sughi pronti a confronto

Cirio e Mutti: le novità nei sughi pronti a confronto

Il mondo dei sughi pronti a lunga conservazione è sempre più appannaggio di aziende che hanno come principale vena produttiva un prodotto base della cucina mediterranea: alcune marche arrivano dal mondo della pasta di semola – ne sono un esempio emblematico Barilla, Divella e De Cecco – altre dal settore delle conserve di  pomodoro, e quindi polpe, passata, pelati ecc. Tra le novità più recenti, Cirio Sughi Marzanino e il rilancio dei sughi pronti di Mutti.

Di cosa si tratta. All’inizio del 2010, Cirio lancia un prodotto in quattro varianti di gusto, incentrando la novità sulla corrispondenza tra il nome del prodotto e il nome della varietà di pomodoro utilizzato: Marzanino è un tipo di pomodoro Datterino che Cirio si fregia di utilizzare in esclusiva e che viene certificato dal logo “Marzanino sapore autentico”.

Mutti ha introdotto i sughi pronti nel 2007, ma alla fine del 2010 ha cominciato ad avvertire gli addetti ai lavori del rilancio della linea nel 2011, quasi come se si trattasse di un vero nuovo prodotto. Le caratteristiche salienti sottolineate dal produttore sono legate al pomodoro italiano e soprattutto alla presenza in tutte le ricette di concentrato di pomodoro Mutti. Un elemento distintivo è la confezione: il semplice barattolo di vetro è interamente ricoperto, compreso il tappo, da una pellicola aderente in prevalenza bianca, con una banda di colore differente – in funzione della variante del sugo – e il marchio su fondo rosso di Mutti. La pellicola presenta una finestra che fornisce le tacche per prelevare le porzioni necessarie a condire la pasta.

Gli elementi di “rilancio”. I sughi pronti a lunga conservazione, presenti sugli scaffali da parecchi anni, hanno trovato una forma di “vita nuova” grazie allo sviluppo di prodotti con caratteristiche peculiari, che spaziano dall’indicazione di una specifica varietà di pomodoro utilizzata (ne è un esempio Marzanino Cirio), all’ingrediente “unico” (il concentrato di pomodoro Mutti), all’origine italiana delle materie prime, oppure la confezione con un servizio in più, le dosi segnate in etichetta. Non ci sono vere e proprie innovazioni, ma cambiamenti nelle ricette che servono a differenziarsi dai concorrenti e a comunicare la “novità” ai consumatori.

Il prezzo. Nello specifico dei due prodotti considerati cambia poco la ricetta, ma cambia parecchio il prezzo: più che doppio per Mutti.

 

Cirio Marzanino al Basilico

350 g

Prezzo riscontrato 1,20 €/a confezione

3,43 €/ al kg

 

Ingredienti:

Polpa di pomodoro datterino 40%, Passata rustica (passata di pomodori), Concentrato di pomodoro, Olio extravergine di oliva 2%, Basilico 2%, Cipolle, Sale, Zucchero, Aromi naturali, Correttore di acidità: acido citrico.

 

 

Contenuto nutrizionale medio

100 g di prodotto

Valore energetico  65 kcal/273kJ

Proteine                 3,0g

Carboidrati            7,0g

Grassi                    2,2g

 

 

Mutti Pomodoro e Basilico

280 g

Prezzo riscontrato 1,95 €/ a confezione

6,96 €/ al kg

Ingredienti:

Pomodori pelati tagliati in rondelle (80%), concentrato di pomodoro, olio di girasole, zucchero, basilico (1%), cipolle, sedano, sale, aromi.

 

Contenuto nutrizionale medio

100 g di prodotto

Valore energetico 61 kcal/255kj
Proteine 1,4g
Carboidrati 6,2g
Grassi 3,4g

Francesca Avalle

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

germania nutri-score

Il Nutri-Score conquista anche la Germania. L’etichetta a semaforo francese preferita dal 57% dei consumatori tedeschi

Anche la Germania adotterà ufficialmente il Nutri-Score. Lo ha annunciato la ministra federale per l’Alimentazione …