Home / Pianeta / Cibo sostenibile targato IKEA. Nel laboratorio del gigante svedese si “inventano” gli alimenti del futuro

Cibo sostenibile targato IKEA. Nel laboratorio del gigante svedese si “inventano” gli alimenti del futuro

ikea growroomIkea oltre che progettare  letti, divani e e librerie sta pensando a un futuro diverso con un cibo sempre più sostenibile. Lo fa da Space 10, un edificio che un tempo era una centrale elettrica in una delle zone più vivaci di Copenaghen, in Danimarca: quella del Meatpacking District, dove già sono presenti locali innovativi e officine creative. Quello di Ikea però non è un locale, ma un laboratorio.

La storia inizia nel 2014, quando l’azienda chiede a Carla Cammilla Hjort, designer, di raccontare al Ceo Torbjörn Lööf, qualcosa sulla collaborazione tra l’Ikea e il suo studio, ArtRebels. Da quell’incontro nasce un progetto per una collezione di mobili limitata e destinata solo a giovani residenti in città. Il risultato entusiasma Lööf a tal punto da spingerlo a chiedere a Hjort qualcosa di molto più ampio, relativo al futuro in senso lato e alla possibilità di rendere migliore il mondo.

Così nel 2015 Hjort fonda Space 10, insieme al documentarista Simon Caspersen. I due hanno tre anni di tempo per compiere indagini di mercato e studi di fattibilità e avviare le prime sperimentazioni. Dopo aver avviato una serie di progetti legati all’arredamento e al vivere urbano, Space 10 punta sul cibo, reclutando nutrizionisti, psicologi, designer, ricercatori e chef. Nel 2015 viene lanciato il progetto Polpette di domani, che richiama le  polpette tradizionali, rivisitate grazie alla carne coltivata in laboratorio, alle stampanti 3D, alla farina di insetti, di alghe e a quella ottenuta dagli scarti. Il tutto viene  illustrato da bellissime fotografie.

Le polpette al momento sono sperimentali, anche se l’azienda si è impegnata per il benessere animale e per aumentare l’offerta di prodotti a basso impatto ambientale come le  gli hot dog vegetariani. In questi mesi è arrivato il gelato alla fragola vegano che – secondo Ikea – ha un impatto ambientale di circa la metà rispetto a quello tradizionale.

polpette di domani ikea insetti
Ikea progetta le polpette del futuro, con carne coltivata in laboratorio, farina di insetti, di alghe…

Nella cucina di Space 10 si sperimentano anche minestre, chips, hamburger, salse di alghe così come di insetti e di scarti, del pesce utilizzato per l’acquaponica, i sistemi circolari basati sulla coltivazione di piante senza terra e di pesci per la fertilizzazione e  il riciclo delle acque, anch’essi oggetto di studio.

Restano molti aspetti da mettere a punto: per esempio, le infezioni di cui possono essere vittime sia le alghe che i pesci, e che potrebbero rendere impossibile la vendita dei moduli al grande pubblico, ma di sicuro Space 10 si sta ponendo in prima fila nella ricerca di cibo più sostenibile. E per questo non è affatto detto che nel prossimo futuro Ikea continui a essere conosciuta solo per gli armadi e i divani.

I progetti non riguardano solo il cibo. A Copenaghen si lavora per ottimizzare il modulo di agricoltura urbana Growroom che è già stato installato a Helsinki, Sydney, Rio de Janeiro, Mosca, San Francisco e Seul, e a un secondo modulo, dedicato alla coltivazione dell’alga spirulina… nel giardino di casa.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *