Home / Etichette & Prodotti / Cibo per cani e gatti: Monge corregge e migliora le etichette dopo la segnalazione di Dario Dongo

Cibo per cani e gatti: Monge corregge e migliora le etichette dopo la segnalazione di Dario Dongo

alimenti cani gatti mangime croccantini Cibo per cani e gattiPochi giorni dopo la segnalazione inviata all’Antitrust da Great Italian Food Trade (Gift) sulle irregolarità di diverse etichette di cibo per cani e gatti a marchio Monge, la società ha riconosciuto gli errori e ha annunciato di volere rimediare al più presto. La decisione del proprietario Domenico Monge sorprende non poco, vista l’abitudine di molte aziende italiane di rifiutare il dialogo e affidare le questioni spinose agli studi legali.

Le criticità riscontrate da Gift erano di una certa gravità visto che l’etichetta rappresenta la carta di identità di un prodotto e i problemi non erano certo legati a refusi di stampa. Come abbiamo già evidenziato in questo articolo, si trattava di diciture ingannevoli sulle confezione di alimenti per cani e gatti in relazione a immagini, testi, denominazioni e ingredienti di tre prodotti; alimento completo per cani (bocconcini, umido in busta) Linea Grill “Merluzzo”, “Manzo”, “Salmone”, “Pollo e tacchino”, “Agnello e verdure”, “Maiale”; alimento completo per cani (crocchette, “dry food”) “Bwild Cinghiale”; alimento completo per gatti (crocchette, “dry food”) “Le Chat, Pollo e riso indoor”.

Difficile pensare a una svista o a refusi in fase di stampa. «Il presidente del gruppo ha riconosciuto le proprie responsabilità – sottolinea l’avvocato Dario Dongo di Gift e collaboratore de Il Fatto Alimentare – e ci ha scritto comunicando che a seguito della nostra segnalazione il processo di revisione delle etichette “ha ricevuto un rinnovato impulso e accelerazione”. C’è di più, il gruppo aggiornerà le confezioni rispetto all’ultima versione del registro UE degli additivi per mangimi (12.3.19) e ai regolamenti che si applicheranno dall’1.1.20.

Si tratta di una risposta esemplare che riconosce e assume la responsabilità degli errori commessi, e si attiva subito non solo per rimediarvi ma anche per allineare le etichette dei prodotti in anticipo rispetto alle norme che avranno applicazione dal 2020. L’augurio e il monito – prosegue Dongo – sono ora rivolti alle aziende che continuano a negare l’evidenza dei fatti, provando a minimizzarli o addirittura a minacciare chi promuove la legalità attraverso la libera informazione. Che la lezione sia di aiuto anche alle autorità che finora hanno trascurato la vigilanza su settori cruciali, come l’alimentare e il pet food».

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …

Un commento

  1. Avatar

    Complimenti ai segnalatori. Quanto ai segnalati, bene, anche se questa sarebbe una non notizia: questa dovrebbe essere la normalità di comportarsi…