Home / Nutrizione / Tanto zucchero, troppo sale e poche fibre: in Europa gran parte dei prodotti confezionati per bambini non rispettano due standard nutrizionali

Tanto zucchero, troppo sale e poche fibre: in Europa gran parte dei prodotti confezionati per bambini non rispettano due standard nutrizionali

bastoncini di pesce patate fritte carta paglia salsaMoltissimi prodotti dedicati (e pubblicizzati) a bambini e ragazzi non rispettano due standard nutrizionali sviluppati per ridurre l’impatto del marketing alimentare  verso i minor.  Eppure  stiamo parlando di regole indicate da Oms-Europe e di impegni firmati  EU Pledge a cui hanno aderito spontaneamente molte aziende alimentari come: Coca-Cola, Kellogg’s, McDonald’s, Ferrero, Danone e Unilever. Lo rivela un’indagine condotta dal Joint research centre della Commissione europea e pubblicata su PLoS One, che ha preso in esame  quasi 2.700 alimenti preconfezionati venduti in 20 paesi europei e appartenenti a cinque categorie: cereali da colazione, yogurt, pasti pronti, carni e pesci lavorati.

Il risultato è che il 48% dei cibi non è conforme alle indicazioni del Pledge e addirittura il 68% a quelle dell’Oms. Tra i fattori che più contribuiscono ad allontanare questi alimenti da una situazione ottimale vi sono, neanche a dirlo, gli elevati livelli di zuccheri in cereali e yogurt, e l’eccesso di sale nelle altre categorie, oltre alla scarsa quantità di fibre nei cereali per la prima colazione. Oltre a questo, numerosi yogurt non soddisfano i criteri riferiti ai grassi totali e saturi e molti pasti surgelati hanno troppe calorie. Come se non bastasse, si è constatato che  una parte dei prodotti presi in esame sono tra i più venduti.

Anche se i dati non dicono nulla sul valore nutrizionale complessivo di ciò che mangiano i bambini e i ragazzi europei, visto che si limitano ad analizzare ciò che viene acquistato (in base a Euromonitor International), dallo studio emergono indizi utili per valutare ciò che viene offerto nei negozi e nei supermercati, e quello che trovano in casa. Purtroppo non si tratta di proposte che sembrano tenere in gran conto la salute, a prescindere da quanto chiede l’Oms e da quanto le aziende, in teoria, si impegnano a fare.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

snack sale patatine fritte chips

Troppo sale nascosto negli alimenti trasformati. Gli uomini ne consumano più del doppio e aumenta rischio cardiovascolare

Passata completamente inosservata a causa dell’emergenza coronavirus, tra il 9 e il 15 marzo si …