Home / Nutrizione / Tanto zucchero, troppo sale e poche fibre: in Europa gran parte dei prodotti confezionati per bambini non rispettano due standard nutrizionali

Tanto zucchero, troppo sale e poche fibre: in Europa gran parte dei prodotti confezionati per bambini non rispettano due standard nutrizionali

bastoncini di pesce patate fritte carta paglia salsaMoltissimi prodotti dedicati (e pubblicizzati) a bambini e ragazzi non rispettano due standard nutrizionali sviluppati per ridurre l’impatto del marketing alimentare  verso i minor.  Eppure  stiamo parlando di regole indicate da Oms-Europe e di impegni firmati  EU Pledge a cui hanno aderito spontaneamente molte aziende alimentari come: Coca-Cola, Kellogg’s, McDonald’s, Ferrero, Danone e Unilever. Lo rivela un’indagine condotta dal Joint research centre della Commissione europea e pubblicata su PLoS One, che ha preso in esame  quasi 2.700 alimenti preconfezionati venduti in 20 paesi europei e appartenenti a cinque categorie: cereali da colazione, yogurt, pasti pronti, carni e pesci lavorati.

Il risultato è che il 48% dei cibi non è conforme alle indicazioni del Pledge e addirittura il 68% a quelle dell’Oms. Tra i fattori che più contribuiscono ad allontanare questi alimenti da una situazione ottimale vi sono, neanche a dirlo, gli elevati livelli di zuccheri in cereali e yogurt, e l’eccesso di sale nelle altre categorie, oltre alla scarsa quantità di fibre nei cereali per la prima colazione. Oltre a questo, numerosi yogurt non soddisfano i criteri riferiti ai grassi totali e saturi e molti pasti surgelati hanno troppe calorie. Come se non bastasse, si è constatato che  una parte dei prodotti presi in esame sono tra i più venduti.

Anche se i dati non dicono nulla sul valore nutrizionale complessivo di ciò che mangiano i bambini e i ragazzi europei, visto che si limitano ad analizzare ciò che viene acquistato (in base a Euromonitor International), dallo studio emergono indizi utili per valutare ciò che viene offerto nei negozi e nei supermercati, e quello che trovano in casa. Purtroppo non si tratta di proposte che sembrano tenere in gran conto la salute, a prescindere da quanto chiede l’Oms e da quanto le aziende, in teoria, si impegnano a fare.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

eco menu Greenpeace

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *