Home / Pianeta / Carta da cucina: un prodotto popolare e versatile, ma poco sostenibile. Il test di Altroconsumo su 15 rotoli

Carta da cucina: un prodotto popolare e versatile, ma poco sostenibile. Il test di Altroconsumo su 15 rotoli

Woman wiping frying pan in kitchen, focus on paper towelsLa carta assorbente è presente praticamente in qualsiasi cucina, dove viene usata per asciugare liquidi rovesciati inavvertitamente, per le pulizie e talvolta anche a contatto con gli alimenti. Ma non tutti i rotoli sono uguali. Per questo Altroconsumo ha messo alla prova 15 marchi di carta da cucina, con l’aiuto di 200 volontari che hanno ricevuto tre rotoli anonimi da testare nelle proprie cucine.

I 15 prodotti si sono sfidati su caratteristiche come la capacità assorbente, la resistenza e l’impatto ambientale: ne è uscito vincitore Tutto Pannocarta 3 in 1, che riceve il titolo di “Migliore del test” di Altroconsumo, ma anche quello poco invidiabile di più caro (oltre 4 € a confezione). Insieme a Scottex Tuttofare e Foxy Mega, rispettivamente in seconda e terza posizione con un giudizio ottimo, Tutto Pannocarta ha i migliori risultati nel test di assorbimento dei liquidi, grazie a una tecnologia innovativa (Tad) che migliora l’assorbenza della carta. Di questi tre rotoli, solo quello a marchio Scottex ha una certificazione di sostenibilità della materia prima (Fsc).

tutto pannocarta carta da cucinaAi piedi del podio si trovano i due prodotti che si sono aggiudicati il titolo di “Migliore acquisto”: si tratta di Coop Casa Maxi e della carta da cucina a marchio Esselunga, entrambi valutati positivamente dai consumatori per la buona capacità assorbente dei fogli, anche se la resistenza cala una volta bagnati. Entrambi i prodotti possiedono una certificazione di sostenibilità: Fsc per Coop ed Ecolabel per Esselunga.

All’altra estremità della classifica si trovano la carta da cucina Coop Vivi Verde e Soft Dream Extra di Eurospin con un giudizio medio, e in ultima posizione Solo Classic di Aldi, considerata di “qualità bassa”. Altroconsumo definisce “deludenti” le performance nel test di assorbimento dei prodotti dei discount Aldi ed Eurospin. Anche l’asciugatutto Coop delude  molto: anche se il risultato è probabilmente legato all’uso di carta riciclata per la produzione dei rotoli. Un difetto che non si riscontra negli altri rotoli di carta riciclata Conad Verso Natura e Grazie Natural, che hanno anche il pregio di non essere stata sottoposta a trattamenti di sbiancamento. Attenzione però: i rotoli di carta assorbente riciclati non sono adatti al contatto con gli alimenti!

Anche se questi rotoli di carta riciclata sono i migliori in termini di impatto ambientale, si tratta pur sempre dei prodotti usa e getta, che possono essere smaltiti nell’umido, nella frazione indifferenziata o nella carta a seconda del regolamento comunale. Per ridurre  l’impronta ambientale, c’è un’unica soluzione: non utilizzare gli asciugatutto, ma panni in microfibra e spugne per assorbire liquidi versati e strofinacci per asciugare le mani. Tutte alternative che esistono da sempre.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

olio di palma latte artificiale

Fare a meno dell’olio di palma è una missione impossibile? Le strategie esplorate da aziende e ricercatori

L’olio di palma è un componente essenziale non solo di un’infinità di alimenti industriali, ma …

5 Commenti

  1. Avatar

    perché sia ecosostenibile, oltre logicamente alla provenienza, bisogna che un foglio sia utilizzato più volte x lavori diversi e sia smaltibile nell’umido, all’insegna del risparmio, e questo spetta a noi consumatori

  2. Avatar

    Esistono varie certificazioni FSC (Forest Stewardship Council). Anche se ora non ricordo i dettagli, ne esiste una che si chiama “FSC mix” e indica che solo “una parte” della cellulosa utilizzata è stata prodotta in modo “sostenibile”, e ovviamente ora non ricordo “quanta parte”, ma mi pare che possa anche essere minima.

    Quindi parlare genericamente della FSC come di “una certificazione di sostenibilità” corrisponde a fornire una informazione incompleta e potenzialmente fuorviante, proprio quel tipo di disinformazione che Il Fatto Alimentare ha sempre giustamente criticato.

  3. Avatar

    E’ stato dimostrato che la microfibra è altamente inquinante.
    Magari evitate di dare consigli dannosi.

  4. Avatar

    Ma un bel canovaccio di tela, o un vecchio lenzuolo strappato, che si sciacquano e riusano (e mentre si consumano, non inquinano l’ambiente), no?
    Confermo quello che dice Barbara. E poi: il solito Titanic che affonda mentre i passeggeri si preoccupano di quanto un rotolo di carta sia assorbente?