Home / Supermercato / Carrefour non fa pagare l’IVA sui prodotti alimentari freschi a famiglie numerose e over 65

Carrefour non fa pagare l’IVA sui prodotti alimentari freschi a famiglie numerose e over 65

carrefour card ivaDa Carrefour le famiglie di 5 o più componenti e i clienti over 65 dal 18 gennaio al 31 marzo (ma potrebbe prolungarsi fino a fine anno) potranno usufruire di uno sconto alla cassa pari all’Iva applicata sugli alimenti freschi (il 4 o il 10%).

 

Il risparmio riguarda in gran parte prodotti made in Italy venduti nei reparti di macelleria, pescheria, salumeria, formaggi, frutta e verdura e anche il pane fresco. Si tratta di articoli che rappresentano circa i due terzi degli acquisti di una famiglia.

 

Secondo Carrefour l’iniziativa dovrebbe fare risparmiare 150-200 euro alle persone con più di 65 anni e 350-500 euro alle famiglie numerose. Si calcola che l’operazione potrà coinvolgere circa 900mila clienti. La proposta è molto interessante perché incentiva il consumo di prodotti locali, dà un contributo utile alle persone in difficoltà e fornisce un elemento distintivo all’insegna. L’elemento critico è rappresentato dalla consapevolezza che le promozioni fanno acquistare di più ma forse questo aspetto non è particolarmente rilevante nel caso specifico.

 

carrefour richiamoMa non è tutto: Carrefour ha rotto il ghiaccio anche per quanto riguarda un tema molto delicato, quello dei prodotti ritirati dagli scaffali dei punti vendita e poche settimane fa ha deciso di aprire una pagina sul sito internet dedicata a questi avvisi. È la prima volta in Italia che una catena di supermercati decide di informare i consumatori su situazioni che li riguardano da vicino.

 

Valeria Torazza

Foto: Carrefour.it

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

un centesimo monete

Conad dice addio alle monete da 1 e 2 centesimi dopo lo stop al conio deciso dalla Zecca dello Stato

Conad dice addio alle monetine da 1 e 2 centesimi. Nei punti vendita della cooperativa …

Un commento

  1. Questa iniziativa, lodevole ma fino ad un certo punto, ha scatenato un dibattito sul mio Blog.

    Se interessa: http://paoblog.net/2013/01/15/consumatori-sconti/#comments

    Resta il fatto che a quanto si legge, anche su Il Fatto Alimentare, le iniziative della Gdo che prevedono vendite sottocosto e/o con forti sconti prevedono poi l’imposizione ai fornitori di sconti non previsti.