Home / Lettere / Caffé e cappuccini solubili “da zuccherare” ma contengono sciroppo di glucosio! La segnalazione di una lettrice

Caffé e cappuccini solubili “da zuccherare” ma contengono sciroppo di glucosio! La segnalazione di una lettrice

nescafe nestle ginseng crastan cappuccino solubile confezioni da zuccherareHo notato che diversi sostituti solubili del caffè e del cappuccino indicano in etichetta “senza zucchero” e invece dalla composizione si nota (come Nestlé e Crastan) che contengono sciroppo di glucosio! Praticamente quasi tutte le versioni “senza zucchero “di qualsiasi marca contengono sciroppo di glucosio e sono anche da zuccherare!

Felicia

La dicitura presente sulle etichette di entrambi i prodotti segnalati dalla lettrice è “da zuccherare” (e non “senza zucchero”), una scritta che tuttavia potrebbe generare confusione. Infatti, un consumatore poco attento può legittimamente pensare che il “cappuccino solubile da zuccherare” sia un prodotto privo di zuccheri, da dolcificare a proprio piacimento, anche se in realtà contiene una quantità rilevante di carboidrati semplici.

Leggendo attentamente le etichette di questi caffè e cappuccini solubili “da zuccherare”, infatti, si può notare come in entrambi i casi gli zuccheri abbondino nella dichiarazione nutrizionale. Il cappuccino solubile da zuccherare Crestan contiene 28 grammi di zucchero ogni 100 di prodotto, mentre la versione “già zuccherata” ne ha più di 36. Nescafé Gold ginseng nella versione “da zuccherare” presenta ben 36 grammi di zucchero su 100 di prodotto, mentre quella classica ne contiene addirittura 51!

cappuccino solubile da zuccherare crastan etichetta
Nella lista degli ingredienti del cappuccino solubile Crastan “da zuccherare“ figura lo sciroppo di glucosio

Controllando la composizione l’etichetta rivela che il secondo ingrediente, dopo il latte scremato in polvere, sia lo sciroppo di glucosio. Nelle versioni classiche, invece, lo sciroppo di glucosio scala in terza posizione ed è preceduto dallo zucchero.

nestle nescafe ginseng solubile da zuccherare etichetta
Anche nella composizione di Nescafé Gold Ginseng “da zuccherare” è presente lo sciroppo di glucosio tra gli ingredienti

Questi prodotti saranno pure “da zuccherare”, ma contengono altri tipi di zucchero in quantità significative (anche se in misura minore rispetto alle versioni classiche). Attenzione quindi alle diciture sulle confezioni: per non sbagliare è sempre meglio leggere bene l’etichetta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Dieta a crudo per cani e gatti: la riflessione di un veterinario che chiarisce alcuni punti

Pubblichiamo di seguito il commento di un medico veterinairo, Valerio Guiggi, che ci ha scritto …

Un commento

  1. Avatar

    Ma guarda un po’ che “strana” raccomandazione!
    E come mai non hanno invece scritto, bene in vista sulla confezione, “da versare nella tazza”, “da mescolare” o altro?
    Mi chiedo se non ci siano i presupposti per una segnalazione a chi di dovere…