;
Home / Etichette & Prodotti / Canapa per uso alimentare: un ‘super food’ ricco di proteine e senza principi psicoattivi

Canapa per uso alimentare: un ‘super food’ ricco di proteine e senza principi psicoattivi

canapa, semi, foglia, tisana, farinaQuando si parla di canapa per uso alimentare occorre essere chiari: non c’entra nulla con il recente successo della raccolta firme online (630 mila depositate in cassazione) per il referendum sulla legalizzazione. Nelle sue numerose varietà, la cannabis sativa è una specie coltivata da millenni e le piante i cui semi sono utilizzati nel settore agroindutriale sono legali e si possono coltivare liberamente, come i cereali. La loro coltivazione è infatti possibile in base a una norma europea del 1997, regolamentata dall’Italia con una legge propria nel 2016. I semi impiegati in queste colture industriali devono essere certificati in quanto capaci di produrre piante nelle quali il principio psicoattivo della cannabis (tetraidrocannabinolo, più noto come Thc) è praticamente assente. La sua presenza deve essere infatti inferiore allo 0,2%, valore che verrà innalzato a livello agricolo Comunitario allo 0,3% dal 2023.

I semi, di per sé, non dovrebbero contenerne del tutto, ma nei preparati alimentari se ne possono riscontrare dei residui a causa del contatto accidentale con altre parti della pianta. È stato quindi necessario definire quali fossero i tenori massimi di Thc residuo ammessi negli alimenti. “Una definizione che abbiamo atteso per anni – dichiara Rachele Invernizzi, vicepresidente di Federcanapa – alla quale siamo finalmente arrivati nel gennaio 2020”. Il decreto del ministero della Salute prevede infatti, per i semi di canapa, la farina e gli integratori alimentari preparati con la canapa, il limite di due milligrammi di Thc per chilo. Nell’olio, che in quanto condimento è usato in quantità limitate, il limite sale a cinque milligrammi per chilo. “Si tratta di parametri troppo stringenti per le produzioni delle nostre filiere italiane, senza fondamenti scientifici ­– prosegue Rachele Invernizzi – e non allineati con gli standard europei”.

canapa, olio
Uno dei principali usi alimentari della canapa è l’olio, che viene spremuto a freddo e va consumato crudo per conservarne al meglio le proprietà

Oltre che online e nei negozi specializzati in alimentazione naturale, gli alimenti realizzati con semi di canapa sono oggi disponibili anche nei super e ipermercati generalisti. Tra i prodotti più diffusi spiccano i semi di canapa, disponibili da soli o in mix con altri semi o legumi, per arricchire insalate, muesli e macedonie o per la realizzazione di zuppe. Molto apprezzato è l’olio, impiegato anche come integratore alimentare e particolarmente diffuso nella versione biologica, in bottigliette da 250 ml, con prezzi che variano molto (da 22 a 60 €/l). I semi di canapa sono poi sempre più spesso un ingrediente in ricette di prodotti salutisti, come minestre, vellutate pronte o cracker. “Questi semi sono ricchissimi di proteine vegetali – sottolinea Invernizzi –, arrivano infatti ad averne il 30% e risultano particolarmente apprezzati da vegetariani e vegani”. I semi di canapa costituiscono infatti un alimento ad alta digeribilità dal sapore delicato, capace al contempo di fornire molti amminoacidi essenziali, soprattutto Omega 3 e 6. A questi si aggiunge un alto apporto vitaminico e di sali minerali, come potassio, calcio, ferro e magnesio.

“La coltivazione di canapa industriale, oltre che per gli alimenti viene impiegata come materiale da costruzione, combustibile, materiale tessile e in cosmetica e si estende in Europa su circa 60 mila ettari – prosegue Invernizzi –, mentre i principali produttori sono Cina e Canada, che vantano rispettivamente coltivazioni da 100 e 80 mila ettari. Come Federcanapa, associazione degli operatori e delle filiere agricole del settore, raccomandiamo però il consumo delle produzioni nazionali, regionali e locali. Il seme, infatti, è un prodotto delicatissimo, che va lavorato entro quattro ore dalla raccolta, mentre la spremitura dell’olio va fatta a freddo, con temperature inferiori ai 30 gradi, per garantire il mantenimento di tutte le sue proprietà organolettiche. Se si desidera avere la garanzia di consumare un alimento genuino e ricco di proprietà benefiche è quindi importante scegliere produzioni italiane o almeno europee e consumare l’olio a crudo. Nel nostro Paese un ulteriore sviluppo della filiera è tuttora rallentato dalla carenza di impianti di trasformazione a servizio dei produttori agricoli e da leggi inutilmente e tristemente troppo stringenti”.

© Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock,

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Chiara Cammarano

Guarda qui

Nuove etichette per il vino, oltre all’elenco degli ingredienti ci sarà anche un codice QR

Dopo più di dieci anni di rinvii, sospensioni e discussioni, cade anche una tra le …

2 Commenti

  1. Avatar

    Di studi che dimostrino le peculiarità della pianta della canapa ce ne sono a bizzeffe: la pianta non ha pretese colturali particolari ed inoltre migliora la struttra del terreno nel quale è coltivata; dal fusto si ricavano fibre di ottima qualità e capaci di essere assemblate in filati di una infinità di spessori, da sottilissimi a molto grandi con i qualli si possono fare svariati tessuti; i semi sono di una ricchezza alimentare molto elevata con ricchi contenuti di proteine, grassi e carboidrati.

    Tuttavia c’è una forte ostativa trasversale verso questa pianta, sia da parte della politica sia dell’industria cui questa coltivazione rappresenterebbe una concorrenza.

  2. Avatar

    Quando la smetterete di citare i super food (pur con tutte le virgolette che volete) sarà sempre tardi, i super food non esistono, come non esistono Superman o Hulk… ogni cibo ha le sue peculiarità e contiene sostanze utili, l’unico “super” accettabile è la dieta mediterranea, una dieta equlibrata che però non ha nessun bisogno di essere chiamata super perché basta e avanza il suo nome.

    Quanto alle proprietà della canapa sono ben note, e come fa rilevare Roberto avremmo tranquillamente continuato a coltivarla perché rustica e di poche pretese e con grande ritorno economico, ma le industrie che dovevano sfondare con i nuovi filati sintetici ricavati dal petrolio hanno cavalcato l’ignoranza dei politici giocando sulla confusione tra cannabis indica e cannabis sativa, accomunandole tutte in “demoniaca droga da sopprimere”.

    Solo ora si torna a parlarne, ma c’è sempre chi gioca sulla confusione per continuare ad ostacolarla, come dimostra il fatto che dopo l’autorizzazione europea del ’97 ci sono voluti QUASI VENT’ANNI perché il legislatore italiano a malincuore si adeguasse, pur ponendo tutti i cervellotici ostacoli possibili senza violare apertamente le disposizioni europee.