Home / Nutrizione / Le calorie sui menu? Occasione mancata per un’informazione nutrizionale più completa

Le calorie sui menu? Occasione mancata per un’informazione nutrizionale più completa

Il 6 aprile nel Regno Unito è entrata in vigore la nuova normativa sui menu: tutti gli esercizi commerciali (ristoranti, bar, takeaway) dovranno segnalare il contenuto calorico dei piatti su tabelloni e listini, compresi quella online. La regola si applica solo alle aziende che hanno 250 dipendenti o più, con l’eccezione delle Ong, degli ospedali e dei piatti temporaneamente presenti in menu (special, piatti del giorno, ecc.).

Il Regno Unito ha un grave problema di sovrappeso e obesità: il 68% degli uomini e il 60% delle donne ricade in una delle due categorie, così come il 40% dei bambini di età compresa tra i 10 e gli 11 anni (quota che solo un anno fa era del 35,2%). Inoltre, un quarto delle calorie è ormai assunto fuori casa, fatto che amplifica il peso dei pasti al ristorante. L’iniziativa è stata dunque accolta molto favorevolmente, perché è urgente agire, e farlo in modo il più possibile efficace. 

Young Man Reading Menu
Nel Regno Unito è entrato in vigore l’obbligo di indicare le calorie sui menu e sui tabelloni di ristoranti, bar e takeaway

Ma non tutti sono d’accordo, anzi: secondo alcuni esperti si tratta di un provvedimento a dir poco timido, e destinato ad avere uno scarso successo, soprattutto se isolato. Sostengono questa posizione anche alcuni esperti delle Università di Cambridge, Oxford e Warwick, che hanno scritto un duro editoriale pubblicato sul British Medical Journal.

Come premettono gli autori, indicare le calorie può avere una qualche efficacia: una recente revisione sistematica degli studi condotti negli ultimi anni ha rivelato che la misura è associata a una diminuzione del 7,8% delle calorie acquistate dai clienti, e un’altra lo ha confermato, aggiungendo che spinge i produttori e i gestori a modificare le ricette in senso positivo. Lo stesso si è visto in indagini condotte negli Stati Uniti, dove l’indicazione calorica è obbligatoria dal 2018, e in Australia. Tuttavia sembra ormai chiaro che le strategie migliori siano quelle come la sugar tax (già presente nel Regno Unito), cioè quelle che interessano la popolazione generale e non solo chi mangia fuori casa. 

L’indicazione delle calorie sui menu dovrebbe aiutare i consumatori a fare scelte più consapevoli durante i pasti fuori casa

L’indicazione delle calorie sui menu agisce o dovrebbe agire su due piani: quello individuale, invitando a riflettere di più sulle proprie scelte, e quello di chi prepara gli alimenti venduti. Secondo alcuni studi, però, ha effetti differenziati a seconda della tipologia di cliente, del suo livello di istruzione, della sua disponibilità economica: sarebbe infatti massimamente efficace tra le persone più istruite e benestanti, e molto meno tra le fasce di popolazione più colpite dall’obesità, quelle più povere. Inoltre comporterebbe un rischio per chi soffre di disturbi alimentari, perché potrebbe aumentare i comportamenti ossessivi, anche se è previsto che su richiesta esplicita dei clienti, i ristoratori forniscano anche menu senza calorie.

Tuttavia, limiti e rischi a parte, ciò che gli autori si chiedono è se non si sarebbe potuto fare di più e meglio, mettendo indicazioni nutrizionali più complete sui menu. Per quanto riguarda i prodotti confezionati, politiche di questo tipo sono state introdotte in diversi paesi tra i quali Brasile, Cile e Messico, che obbligano a inserire una ‘warning label’ in bianco e nero sugli alimenti ricchi in grassi, zucchero e sale. Altri paesi come Francia, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Lussemburgo, Spagna e Svizzera hanno introdotto il Nutri-Score, l’etichetta in cinque colori che vanno dal verde al rosso a seconda delle caratteristiche nutrizionali positive e negative del prodotto. Altri, come lo stesso Regno Unito, hanno puntato su quelle a semaforo, con tre colori. In questi casi, molti studi hanno mostrato che tali norme sono associate a scelte alimentari più sane da parte dei consumatori. 

Secondo alcuni esperti, la misura è un’occasione persa per un’informazione nutrizionale più completa sui menu

Ma – scrivono – non sembra che la via imboccata dal Governo britannico per i menu possa fare altrettanto e invertire la corsa vertiginosa dell’obesità. Per questo, concludono, sarà assolutamente indispensabile verificarne gli esiti e renderli noti in report stilati regolarmente, dopo una valutazione scientifica indipendente, da sottoporre alle autorità sanitarie e politiche, eventualmente per modificare le decisioni prese. 

La National Food Strategy comprende altre iniziative come il divieto di pubblicità rivolte ai bambini prima delle 21 in televisione e durante tutta la giornata online, insieme a quello di offerte al ribasso di junk food negli ipermercati. Le raccomandazioni includono anche una tassa per favorire la riformulazione di alimenti troppo ricchi di sale e zucchero, il cui introito dovrebbe essere utilizzato in parte per finanziare sussidi per l’acquisto di frutta e verdura. L’indicazione delle calorie sui menu deve necessariamente essere considerata come una piccola parte di una strategia che deve prevedere tutti gli strumenti ipotizzati, se vuole avere qualche chance di successo.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, iStock, Fotolia

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Donna che tocca la guancia dolorante, evidenziata da colore rosso; concept di mal di denti

Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Oltre all’aumento di peso, c’è un motivo non abbastanza sottolineato per evitare di bere bevande …

2 Commenti

  1. Al ristorante ci vado 2/3 volte al mese, a casa mangio tutto il resto dei giorni.

    Se vado al ristorante e guardo alle calorie che mangio, tanto vale stare a casa…

    E’ nella vita di tutti i giorni che si deve seguire una dieta equilibrata; quando si esce è ovvio che si “sgarri”.

    In effetti, però, un altro conto è chi per lavoro mangia prevalentemente fuori, forse in quel caso avrebbe senso.

    • Infatti, conta quello quello che costituisce la tua dieta prevalente.
      Ma vero e’ che oltre al pranzo o spuntino di lavoro, sono tante le persone, e pure le famiglie, che per i motivi più diversi, non ultimo evitare il fastidio di preparare e riassettare, frequentano molto i ristoranti. O se lo fanno portare a casa.