Home / Etichette & Prodotti / C’è troppa attenzione alla quantità delle calorie, anziché alla loro qualità? Una critica alle nuove etichette nutrizionali decise negli Stati Uniti

C’è troppa attenzione alla quantità delle calorie, anziché alla loro qualità? Una critica alle nuove etichette nutrizionali decise negli Stati Uniti

etichetta sodio_121923574
Sono entrate in vigore le nuove etichette nutrizionali negli USA

Il 26 luglio, negli Stati Uniti sono entrate in vigore le nuove norme stabilite dalla Food and Drug Administration (FDA) sulle etichette nutrizionali, che concedono alle aziende due anni di tempo per adeguarsi alle nuove disposizioni. I criteri decisi dalla FDA, innovativi rispetto a quelli di 22 anni fa, sono oggetto di critiche da chi li ritiene legati a una visione ormai datata, che ignora i recenti progressi relativi alle conoscenze nutrizionali. Alcune  critiche sono state illustrate da Scott C. Tips, esperto di legislazione e diritto commerciale nel campo alimentare, in un articolo pubblicato dalla rivista WholeFoods.

Le nuove etichette dovranno indicare con maggiore evidenza il numero di calorie riferite ad una porzione dell’alimento considerato, oltre a ciò  le dimensioni delle porzioni di riferimento sono state aumentate, considerando i cambiamenti alimentari tra il 1994 e oggi. Secondo Tips, quest’ultima indicazione è ininfluente, perché i consumatori  tendono a mangiare sino a che sono sazi o sino a che la confezione è vuota. Anche porre in evidenza il contenuto di calorie è considerato un retaggio di vecchie impostazioni, secondo cui il conteggio  servirebbe a ridurre il tasso di obesità. In realtà, sostiene Tips, concentrare l’attenzione degli americani sulle calorie e sulle dimensioni delle porzioni serve a distogliere l’attenzione da ciò che è veramente importante e cioè la densità nutrizionale degli alimenti  ( il rapporto tra i nutrienti e calorie fornite da un alimento).

etichetta nutrizionale
Invece di concentrarsi sulle calorie, bisognerebbe conoscere la densità nutrizionale

La densità nutrizionale indica la percentuale del fabbisogno quotidiano di ogni nutriente fornita dal consumo di una porzione  pari a 100 kcal. Più valore è elevato, più l’alimento è una fonte privilegiata di quel nutriente, e viceversa. I cibi ad alta densità nutrizionale sono molto sani, perché apportano nutrienti senza appesantire. Con le nuove etichette nutrizionali, invece, i cittadini continueranno a bere grandi lattine di bibite con dolcificanti artificiali, nell’illusione che per perdere peso sia importante fare attenzione alla quantità di calorie e non alla loro qualità.

Un altro elemento di critica riguarda il fatto che le nuove etichette dovranno indicare gli zuccheri aggiunti riferendosi ad una dose giornaliera di 50 grammi. Anche in questo caso, secondo Tips, siamo di fronte ad un’innovazione apparentemente positiva. In realtà, in questo modo i consumatori saranno spinti a cercare alimenti con pochi zuccheri aggiunti, convinti che siano più sani, senza avere alcuna indicazione sul contenuto di dolcificanti artificiali privi di calorie ma critici per la salute, come l’aspartame e il sucralosio.

© Risproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

finti gamberi new wave foods

Non solo carne, arriva la carica del finto pesce vegetale: dai falsi gamberi al tonno senza tonno

Dopo la carne, il pesce è il grande settore nel quale si stanno affacciando sempre …

4 Commenti

  1. Avatar

    Sono anni che ripeto che gli americani hanno una sorta di fissazione per il conto delle calorie, se andate sui loro siti di cucina, moltissimi utenti parlano quasi esclusivamente di quello, di nutrienti, blablabla e MAI, dico MAI, un accenno a discorsi sulla QUALITA’ degli ingredienti utilizzati…contano i numeri, e poi si ingoiano cose che in Europa quasi nessuno si sognerebbe di mangiare.
    Senza speranza, ormai.

  2. Valeria Nardi

    Infatti come è scritto nell’articolo si tratta di “un espediente pubblicitario per rappresentare le caratteristiche della banda ultraveloce”.

  3. Avatar

    D’accordo con Graziano…….A mio parere la tabella nutrizionale è la cosa più inutile che potevano inventarsi.. sfido chiunque a consumare prodotti, quindi alimentarsi, attenendosi scrupolosamente alle indicazioni nutrizionali. Certo per qualche prodotto potrebbe essere utile, ma solo a livello conoscitivo….. E’ sempre l’eccesso che crea problemi, e questo vale per tutto quello che si consuma.

  4. Avatar
    giuseppe gorra

    perche i supermercati non regalano una lente ai consumatori che possa così permettere di leggere le etichette degli alimenti ?