Home / Pubblicità & Bufale / Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

brancamenta amaro liquoreL’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia del Comitato di controllo n. 48/19 del 30/08/2019, ha censurato la pubblicità dell’amaro Brancamenta di Fratelli Branca Distillerie diffusa sul social Instagram da un influencer lo scorso 29 agosto 2019 perché viola l’articolo 7 del Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale: la natura pubblicitaria del post non era immediatamente riconoscibile come previsto dalle norme e dalla Digital Chart.

La pubblicità censurata era composta da due foto nelle quali l’influencer, di cui lo Iap non rivela il nome, racconta le sue vacanze ponendo in primo piano una bottiglia di amaro Brancamenta. Il post era accompagnato dalla didascalia “…un’estate calda, molto calda. Ma grazie a @brancamenta_it ho potuto rinfrescare la mente ed il palato…”: secondo il Comitato di controllo, il contenuto pubblicitario delle immagini è stato presentato al pubblico come descrizione della vita privata dell’influencer, come spesso accade, ma senza segnalare che in realtà si trattava di un’inserzione.

instagram post sponsorizzato
Instagram permette di segnalare i post pubblicitari con l’indicazione “sponsorizzato” subito sopra l’immagine

Secondo lo Iap, la natura commerciale del post non risulta immediatamente riconoscibile dai consumatori, perché non era presente né l’indicazione di post ‘sponsorizzato’ rilasciata da Instagram (vedi foto sopra), né gli accorgimenti previsti dalla Digital Chart per segnalare i contenuti pubblicitari: ad esempio l’uso degli hashtag come #ad o #adv, oppure quelli riferiti alla campagna in corso. L’unica indicazione presente è il tag al brand (@brancamenta_it), che però l’Istituto non considera sufficiente a identificare in maniera inequivocabile il post come una pubblicità.

Gli influencer sono personalità della rete che hanno il potere di influenzare – appunto – i consumatori nella scelta di un prodotto, solitamente (ma non sempre) perché hanno acquisito una certa autorevolezza in un certo settore, ad esempio in quello del cibo, dei cosmetici o della moda. La pubblicità veicolata attraverso gli influencer è definita endorsement e, se non adeguatamente segnalata, c’è il rischio che il consumatore la percepisca come un semplice consiglio: per questo motivo le regole stabilite dallo Iap prescrivono che quando un post su un prodotto o su un marchio è stato realizzato sulla base di un contratto commerciale, questo deve essere segnalato in modo visibile e inequivocabile.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Panzironi Adriano

Adriano Panzironi denunciato dai diabetologi per diffamazione: “Ci accusa di dare consigli criminali”

A un mese dal rinvio a giudizio per abuso della professione medica, piovono nuovi guai …