Home / Etichette & Prodotti / Il successo dell’integrale passa anche dai biscotti. Ma non sono tutti uguali: attenzione a farina, grassi e fibre

Il successo dell’integrale passa anche dai biscotti. Ma non sono tutti uguali: attenzione a farina, grassi e fibre

biscotti integrali muesliGli alimenti integrali hanno sempre più successo: secondo l’Osservatorio Immagino, nel 2018 le vendite di prodotti che sulla confezione riportano la parola ‘integrale’ sono aumentate del 7,7%, mentre quelli con la frase ‘ricco di fibre’ sono cresciuti del 5,8%. I consumatori sono sempre più attenti ai rapporti fra cibo e salute e di fibra si parla molto per via delle proprietà salutistiche: migliora la funzionalità intestinale e aumenta il senso di sazietà, contribuisce a regolare il microbiota dell’intestino e abbassa il carico glicemico del pasto. Per queste caratteristiche è considerata protettiva nei confronti di patologie come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e il tumore del colon.

L’industria alimentare ha intercettato il bisogno di cibi salutari aumentando progressivamente l’assortimento di prodotti integrali e i biscotti sono fra quelli più gettonati. Se fino a qualche anno fa i biscotti integrali erano gallette poco attraenti, destinate a un gruppo ristretto di persone, adesso sono disponibili decine di varianti proposte sia dai grandi marchi che dalle catene di supermercati.

Abbiamo fatto un confronto fra alcuni biscotti integrali e ai cereali, firmati Mulino Bianco (Barilla), Galbusera, Misura, Saiwa, Digestive (McVitie’s), Balocco e Alce Nero, considerando anche le proposte a marchio Esselunga, Coop e Carrefour.

Gli ingredienti principali sono farina integrale di frumento, a volte miscelata con farina di frumento bianca – arricchita con fiocchi di avena, di farro o di orzo nei biscotti ai cereali –, olio di girasole (olio di oliva solo nei frollini Alce Nero), zucchero, agenti lievitanti e aromi. In alcuni frollini troviamo anche latte o uova; nocciole e cioccolato nei biscotti al cioccolato. Alcuni prodotti prevedono un’aggiunta specifica di fibra (Misura, Galbusera e Saiwa Fibrattiva).

biscotti Galbusera più integrali
Alcuni biscotti integrali, come i Galbusera Più Integrali, contengono un’aggiunta di fibra extra

La definizione di ‘farina integrale’, secondo la normativa, si basa sul contenuto di ceneri (sali minerali), che è più elevato quando è presente anche parte della crusca, cioè il rivestimento esterno del chicco. A volte, anziché farina ottenuta direttamente dalla macinazione del chicco intero, contenente sia la crusca che il germe di grano, le aziende utilizzano un prodotto ottenuto miscelando farina bianca (setacciata) con la crusca precedentemente separata. Questa operazione viene effettuata per avere un maggior controllo sulla composizione della farina e per eliminare il germe di grano che, essendo ricco di grassi, rende il prodotto più deperibile. In ogni caso, quando si utilizzano farine ricostituite devono essere indicati come ingredienti farina di frumento e crusca, o cruschello. Dal punto di vista nutrizionale, la farina ricostituita non è equivalente a quella ricavata direttamente dal chicco intero, perché mantiene il contenuto di fibra, ma perde vitamine, minerali e polifenoli. 

Fra i biscotti integrali e ai cereali considerati, in quelli Carrefour e Alce Nero si specifica la presenza di farina di frumento e crusca, o cruschello (si tratta quindi di farina ricostituita), nei Saiwa invece la farina integrale è solo il 28%, miscelata con farina bianca, integrata da crusca e fibra solubile.

L’apporto energetico, per 100 g, va dalle 420 calorie dei Saiwa Fibrattiva alle 475 dei Frollini integrali biologici Vivi Verde (Coop) ed è correlato al contenuto di grassi, che nei Saiwa si ferma a 11 g, mentre nei frollini Coop arriva a 19,6. I biscotti più ricchi di queste sostanze sono però i Digestive integrali, in cui si arriva al 20,8%. Per quanto riguarda i grassi saturi, questi rimangono intorno al 2% in quasi tutti i biscotti; arrivano al 4,5% nei Digestive, per via dell’olio di palma, e nei Gran Cereale al cioccolato, per la presenza del cacao. La quantità di zuccheri si attesta intorno al 20% (da 15,5 a 23%), mentre arriva quasi al 30% nel Gran Cereale al cioccolato. Le fibre variano dai 6 g per 100 g dei frollini Vivi verde sino ai 14 g dei biscotti Saiwa Fibrattiva.

Oro Saiwa fibrattiva
Gli Oro Saiwa Fibrattiva sono i biscotti integrali con il contenuto maggiore di fibre tra quelli esaminati

Calcolando il Nutri-Score – sistema di valutazione nutrizionale che prevede cinque lettere e cinque colori, dalla A verde, per gli alimenti da consumare liberamente, alla E rossa, per quelli da mangiare con più attenzione – questi biscotti ottengono nella maggior parte dei casi una valutazione intermedia C con bollino giallo. Questa tiene conto del contenuto moderato di grassi (prevalentemente insaturi) e di sale, del contenuto di zuccheri, valutato elevato, e della buona quantità di fibra. Un giudizio di questo tipo è sicuramente apprezzabile per dei biscotti, se pensiamo che prodotti come i wafer e i Nutella Biscuits, molto ricchi di grassi e zuccheri, ricevono una E, mentre la maggior parte dei frollini (dalle Macine Mulino Bianco alle Gocciole Pavesi) riceve una D. Gli unici biscotti, fra quelli considerati, che meritano una D, sono i Digestive e i Gran Cereale al cioccolato, i primi per l’eccesso di grassi, i secondi per gli zuccheri.

Bisogna naturalmente tenere conto delle dimensioni: i biscotti integrali tradizionali pesano in media 7-8 grammi, mentre con quelli tipo Gran Cereale si sale a 10-12 grammi e i Digestive pesano quasi 15 grammi. Il biscotto più ‘dietetico’, con 24 kcal, è il Saiwa Fibrattiva, mentre gli altri biscotti integrali hanno circa 30 kcal, quelli ai cereali circa 50, e con il Digestive, il più energetico della nostra rassegna, si arriva a 69 kcal.

Digestive integrali
Oltre ad essere i più calorici tra i biscotti integrali esaminati, i Digestive McVitie’s sono anche i più pesanti: 15 g a biscotto, contro una media di 7-8 g

Nel complesso, a parte i due biscotti un po’ più grassi, i prodotti analizzati hanno caratteristiche nutrizionali piuttosto simili. I prezzi invece sono diversi: i biscotti a marchio Carrefour ed Esselunga, come pure le Cruschelle Balocco, costano poco più di 3 €/kg, quelli a marchio Coop, prodotti con ingredienti biologici, costano 3,50-3,70 €/kg. I Gran Cereale classici e i biscotti Buongrano Barilla costano circa 4 €/kg e i Saiwa Fibrattiva 4,4. Per i Gran Cereale al cioccolato si spendono circa 5,8 €/kg, e per i biscotti Galbusera e Misura circa 6 €/kg; si sale sopra i 7 € per i Digestive e oltre i 10 €/kg per i frollini Alce Nero.

È chiaro quindi che per fare una scelta attenta bisogna leggere le etichette: in questo modo possiamo controllare se le farine utilizzate sono veramente integrali o ricostituite, il tipo di grasso utilizzato, il contenuto effettivo di fibra e di zuccheri, la presenza di ingredienti industriali, come il latte in polvere al posto del latte fresco, lo sciroppo di glucosio-fruttosio, emulsionanti o aromi, utilizzati, questi ultimi, in tutti i biscotti tranne in quelli biologici Vivi Verde e Alce Nero. Con un po’ di attenzione possiamo trovare biscotti buoni e ricchi di fibra anche senza spendere molto.

tabella biscotti integrali balocco saiwa mcvitie'stabella biscotti integrali carrefour alce nero cooptabella biscotti cereali mulino bianco esselungatabella biscotti cereali carrefour coop

(*) I prezzi sono stati ricavati dai siti internet delle principali catene di supermercati

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Valeria Balboni

Valeria Balboni

Guarda qui

Olio extravergine: i supermercati devono smettere di venderlo come prodotto civetta. Nuovo appello della dott.ssa Clodoveo

La vendita sottocosto dell’olio extravergine di oliva da parte delle catene di supermercati danneggia agricoltori, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *