Home / Nutrizione / Bevande zuccherate, calano i grandi consumatori negli Stati Uniti, soprattutto tra i bambini. I dati raccolti tra il 2003 e il 2016

Bevande zuccherate, calano i grandi consumatori negli Stati Uniti, soprattutto tra i bambini. I dati raccolti tra il 2003 e il 2016

lattine bevande zuccherate birra energy drink giovaniGli americani stanno lentamente imparando a bere un po’ meno bevande zuccherate, dopo molti anni nei quali sembravano essere quasi l’unica scelta. Ancora oggi le percentuali di chi ne consuma tutti i giorni sono alte, ma la tendenza è alla diminuzione, e questa è una notizia che si attendeva da tempo.

A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori della Chan School of Public Health di Harvard e della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, che ha pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics quanto emerso dall’analisi dei dati contenuti nel grande archivio del National Health Examination and Nutrition Survey (NHANES), relativi a quasi 22 mila bambini (di età compresa tra i 2 e i 19 anni) e circa 32 mila adulti (con più di 20 anni) e al periodo compreso tra il 2003 e il 2016.

attractive businessman having lunch and drinking soda at workplace in office
Calano i forti consumatori di bevande zuccherate negli Stati Uniti, sia trai bambini che tra gli adulti

I ricercatori hanno verificato soprattutto quelli che hanno classificato come heavy drinkers (bevitori pesanti), cioè coloro che consumano in media 3,5 lattine di bevande zuccherate al giorno (da cui traggono 500 calorie o più), e hanno visto che la loro percentuale è scesa sia tra i più giovani sia tra gli adulti. Nel primo caso è infatti passata dall’11 al 3%, nel secondo dal 13 al 9% della popolazione. Non hanno invece modificato il loro comportamento le persone di età compresa tra i 40 e i 59 anni e, tra i gruppi etnici, gli ispanici, mentre si registra un lieve aumento tra gli over 60, che però rappresentano solo una piccola percentuale dei grandi bevitori di bibite. 

Resta comunque molto lavoro da fare, se è vero che ogni giorno il 60% dei bambini e il 50% degli adulti consuma bevande zuccherate, e che la maggior parte di esse è bevuta in casa, dopo un acquisto al supermercato. Si tratta di un’abitudine che indica quanto sia radicato  il consumo di  bibite dolci al posto dell’acqua, o comunque in tanti momenti della giornata.

Tuttavia la tendenza alla diminuzione, soprattutto da parte di chi ha un maggior danno, sembra indicare che si sia imboccata la strada giusta. Iniziano insomma a sortire effetto anni di campagne di informazione, di tasse specifiche, di provvedimenti come le limitazioni alla pubblicità rivolta ai bambini e di obblighi per i loro menu, accompagnati dagli studi sui danni degli zuccheri in eccesso, del sovrappeso, dell’obesità, del diabete e delle carie, e da notizie sugli scandali legati ai conflitti di interesse e al comportamento dei grandi produttori.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

La pasta con il grano Senatore Cappelli è più tollerata dalle persone sensibili al glutine. Lo scrive il Policlinico Gemelli di Roma

La trasmissione della Rai Report ha mandato in onda, il 19 ottobre 2020, un’inchiesta sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *