Home / Pianeta / Tassa sulle bevande zuccherate in Cile, il consumo è sceso del 21,6%. Diminuzione maggiore nella fascia socio-economica medio-alta

Tassa sulle bevande zuccherate in Cile, il consumo è sceso del 21,6%. Diminuzione maggiore nella fascia socio-economica medio-alta

bibite zuccherateUn gruppo di ricercatori dell’Università britannica di York e dell’Università del Cile hanno analizzato l’impatto della tassa sulle bevande zuccherate introdotta in Cile nell’ottobre 2014, comparando le vendite nell’anno successivo alla sua applicazione con i tre anni precedenti.

Già prima del 2014, in Cile esisteva una tassa del 13% su tutte le bevande contenenti coloranti, aromi o dolcificanti. Nel 2014 la tassa è stata elevata al 18% per le bevande contenenti zuccheri aggiunti in misura superiore ai 6,25 grammi per 100 ml. Contemporaneamente, la tassa è stata abbassata al 10% per le bevande contenenti zuccheri aggiunti sotto quella soglia. Quindi, tra i due tipi di bevande si è creata una differenza di tassazione dell’8%.

Gli autori dello studio, pubblicato dalla rivista PLOS Medicine, hanno rilevato che, nonostante l’incentivo fiscale sia relativamente piccolo, l’acquisto di bevande con maggior contenuto di zuccheri aggiunti è diminuito, in particolare tra i gruppi socio-economici più benestanti. Infatti, il volume di acquisti delle bevande maggiormente zuccherate è diminuito del 21,6% su base mensile e, in particolare, del 31% nelle famiglie ad alto reddito, del 16% in quelle a medio redito e del 12% in quelle a basso reddito. Contemporaneamente, non si sono registrati aumenti in nessun gruppo socio-economico delle vendite delle bevande a minor contenuto di zucchero, per le quali l’imposta è stata ridotta.

Queste differenze portano i ricercatori delle due Università a osservare che, sebbene la nuova tassa sulle bevande zuccherate in Cile abbia prodotto una diminuzione delle vendite di quelle a maggior contenuto di zucchero, ciò non sembra essere stato sufficiente a ridurre le disuguaglianze legate alla condizione socio-economica per quanto riguarda gli aspetti della salute collegati all’alimentazione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

incendio foresta

Incendi in Amazzonia: le grosse responsabilità dell’industria alimentare. L’inchiesta di Valori

Gli incendi in Amazzonia e, più in generale in Sud America, sono stati al centro …