Home / Nutrizione / Usa, la città di Baltimora mette al bando le bevande zuccherate nei menù per bambini. Potranno essere offerti solo acqua, latte o succhi di frutta 100%

Usa, la città di Baltimora mette al bando le bevande zuccherate nei menù per bambini. Potranno essere offerti solo acqua, latte o succhi di frutta 100%

A Baltimora, nel Maryland, è entrata in vigore l’ordinanza che vieta ai ristoranti di includere bibite zuccherate nei menù rivolti ai bambini. Si tratta della più grande città statunitense, e la prima della East Coast, ad aver adottato questo provvedimento. Nei menù per i bambini potranno essere inclusi acqua, senza aggiunta di dolcificanti naturali o artificiali, latte o succhi con il 100% di frutta o combinati con acqua senza dolcificanti e in quantità non superiore a 8 once, equivalenti a circa 24 cl. Su richiesta degli adulti che accompagnano i bambini, i ristoranti potranno sostituire le bevande offerte nei menu con altre, anche zuccherate.

Nelle premesse, il Consiglio comunale e il sindaco di Baltimora illustrano le motivazioni che hanno portato all’emanazione di questa ordinanza:

• le famiglie di Baltimora hanno spesso poco tempo e possibilità limitate per acquistare e preparare cibi sani, rendendo la ristorazione un’opzione accattivante e talvolta necessaria;

• le bevande zuccherate sono la singola fonte principale di zuccheri aggiunti nella dieta americana e sono associate ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e altre malattie croniche;

• il consumo di bevande zuccherate – bevande alla frutta con aggiunta di zucchero, bevande sportive, bevande energetiche e bibite analcoliche – rappresenta un reale rischio per la salute dei bambini;

• l’American Heart Association raccomanda che i bambini di età superiore ai 2 anni non consumino più di una bevanda zuccherata di 8 once (24 cl) a settimana. Eppure oggi i bambini consumano fino a 10 volte quella quantità;

• i bambini delle famiglie a basso reddito consumano 2½ volte più bevande zuccherate rispetto ai loro coetanei delle famiglie a reddito più elevato, in parte a causa di aggressive tattiche di marketing da parte dell’industria delle bevande;

• le persone che vivono negli Stati Uniti consumano circa 34 chili di zucchero aggiunto ogni anno solo da bevande zuccherate;

• quasi due terzi dei bambini che vivono negli Stati Uniti consumano almeno una bevanda zuccherata al giorno;

• ogni anno, negli Stati Uniti, 40.000 decessi per malattie cardiovascolari sono attribuiti al consumo eccessivo di bevande zuccherate.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

mamma bambina verdura pranzo

Parlare ai bambini quando mangiano per educarli a un’alimentazione sana. Contro la neofobia no alle ricompense dolci: sono diseducative

Per educare i bambini a un’alimentazione sana è importante parlarne ma senza fare pressioni. Secondo …