;
Home / Pianeta / Bevande zuccherate e aumento di peso: i conflitti d’interesse dei ricercatori influenzano i risultati degli studi

Bevande zuccherate e aumento di peso: i conflitti d’interesse dei ricercatori influenzano i risultati degli studi

laboratorioLe conclusioni delle ricerche sulla connessione tra consumo di bevande zuccherate e aumento di peso sembrano essere influenzate da legami di tipo finanziario degli autori con le aziende produttrici. Se questi conflitti d’interesse esistono, allora ci sono probabilità cinque volte maggiori che i ricercatori concludano che tale connessione non è dimostrata o che sono necessari ulteriori studi.

 

Esaminando diciotto conclusioni di ricerche scientifiche pubblicate dal 2006 a oggi, alcuni studiosi del Dipartimento di medicina preventiva e salute pubblica dell’Università spagnola di Navarra hanno rilevato che sei di esse vedono tra gli autori persone con legami finanziari con qualche industria alimentare. Ebbene, nell’83,3% di questi casi, la conclusione è stata che non ci sono sufficienti prove scientifiche che dimostrino un legame tra consumo di bevande zuccherate e aumento di peso od obesità.

 

Al contrario, negli studi condotti da ricercatori senza conflitti d’interesse con le industrie produttrici, la stessa percentuale dell’83,3% conclude in modo opposto e cioè che il consumo di queste bibite costituisce un fattore di potenziale rischio per l’aumento di peso. La ricerca dell’Università di Navarra è pubblicata dalla rivista Plos Medicine.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

mucche

Alle vacche piace la musica classica. Negli animali sono stati evidenziati cambiamenti di stato d’animo

Che gli animali siano influenzati dalla musica non deve stupire. Come nell’uomo le note musicali …

Un commento

  1. Avatar

    Se anche non ci fosse una correlazione con l’aumento di peso, si sa per certo che le bevande zuccherate e gli zuccheri raffinati in generale causano l’aumento di due tra i maggiori fattori di rischio per la salute: diabete e colesterolo alto. Non credo servano altri motivi per disincentivarne il consumo.