;
Home / Nutrizione / In Italia il 30% dei bambini è obeso o in sovrappeso, lo dice il progetto OKkio alla salute dell’Istituto superiore di sanità

In Italia il 30% dei bambini è obeso o in sovrappeso, lo dice il progetto OKkio alla salute dell’Istituto superiore di sanità

obesità
I bambini italiani sono poco attivi e mangiano male: c’è di più uno su cinque è in sovrappeso e uno su dieci obeso. Sono questi i dati diffusi dal servizio Epicentro dell’Istituto superiore di sanità, il sistema di sorveglianza coordinato dal Centro nazionale per la Prevenzione delle malattie e Promozione della salute che è stato di recente designato come centro di riferimento Oms su Obesità infantile. L’Italia è tra i paesi europei con i valori più elevati per quanto attiene l’eccesso ponderale dietro a Cipro, Spagna e Grecia nella popolazione in età scolare con una percentuale del 29,8. Il valore comprende il 20,4% di soggetti in sovrappeso, a cui si aggiungono gli obesi che sono il 9,4% (mentre i gravemente obesi che rappresentano il 2,4% sono inclusi non questo dato). Le statistiche si riferiscono al 2019 sono stati elaborati da OKkio alla salute, il sistema di sorveglianza nazionale  messo a punto dall’Istituto superiore di sanità. “Un miglioramento c’è – spiega Angela Spinelli direttrice del Centro nazione per la prevenzione delle malattie e promozione della salute dell’Iss – perché nel 2008 il valore complessivo era di 35,2 % poi siamo passati al 30,6% del 2016 e al 29,8 dell’anno scorso, ma c’è ancora molto da fare”.

Secondo l’indagine dell’Iss, che ha coinvolto, come negli anni precedenti, più di 50mila bambini e altrettante famiglie, quasi un bambino su due non fa una colazione adeguata al mattino, uno su quattro beve quotidianamente bevande zuccherate/gassate e consuma frutta e verdura meno di una volta al giorno. I legumi rientrano nel menù meno di una volta a settimana nel 38% dei casi mentre quasi la metà dei piccoli mangia snack dolci più di tre giorni alla settimana. Anche sull’attività fisica sarebbe necessario un maggiore impegno: il 20% dichiara di non avere fatto ginnastica o altri tipi di sport il giorno precedente l’intervista, più del 70% non si reca a scuola a piedi o in bicicletta e quasi la metà trascorre più di 2 ore al giorno davanti alla tv, al tablet o al cellulare. Rispetto alle ore di sonno quasi il 15% dorme meno di nove ore per notte.

obesita sovrappeso bambini infanzia
L’Italia è tra i paesi europei con i valori più elevati per quanto attiene l’eccesso ponderale

“Questi dati – continua Angela Spinelli, direttrice del Centro nazione per la prevenzione delle malattie e promozione della salute dell’Iss –mostrano alcuni miglioramenti rispetto al passato, con un’ulteriore riduzione dell’eccesso ponderale nei bambini del nostro Paese, ma ribadiscono che bisogna insistere con le strategie di prevenzione e promozione dei corretti stili di vita  Anche in questo attuale contesto pandemico essendo costretti a stare in casa si può cogliere l’occasione per trasformare questa situazione in una nuova opportunità di salute, modificando in meglio le nostre abitudini alimentari e praticando del movimento anche in ambienti confinati”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Freshly grilled plant based burger patty in bun with lettuce, slices of gherkin and sauce isolated on black slate. Top view. Copy space. fake meat

Fake meat contro carne vera: il confronto nutrizionale. Non sono equivalenti secondo uno studio americano

Le carni vegetali, le cosiddette fake meat, a differenza di ciò che le pubblicità lasciano …

2 Commenti

  1. Avatar

    Da bambino le mie colazioni erano con caffelatte, pane, burro, marmellata, a cui aggiungevo un trancio di focaccia andando a scuola a piedi all’altro capo della cittadina e un trancio di pizza o un krapfen con marmellata nell’intervallo delle 10, le merende erano panini con mortadella o prosciutto, o pane e cioccolato o pane e cotognata, e le preoccupazioni dei “grandi” erano sempre che mangiassi troppo poco.

    Passavo le vacanze scolastiche in campagna dai nonni (anni ’50) nell’astigiano e non solo rubavo in dispensa la marmellata, i pomidoro seccati al sole e il gorgonzola non appena ne avevo l’occasione, ma mia nonna (classe 1892) oltre alla colazione di rito mi preparava a metà mattinata l’ovetto con lo zucchero, per merenda pane burro e acciughe, fettone di ciambellone…

    E quelle erano le colazioni e le merende ipercaloriche e le “maròde” (rubacchierie) anche di tutti i miei compagnucci di scuola e di gioco, e tutti non avevamo un grammo di grasso in eccesso e il mantra di madri, nonne, zie e amiche di famiglia impiccione era “ma sei troppo magro, mangiane ancora una fetta!”.

    Ma… a parte l’oretta per fare i compiti noi passavamo tutto il nostro tempo a rincorrerci, salire sugli alberi, pescare con le mani i pesci nel torrente, stavamo sempre all’aperto a sudare e stancarci, non “toh, prendi le patatine e mettiti tranquillo davanti alla tivvù” o “ti porto a scuola col SUV, sono quasi quattrocento metri!” o “ma che bravo che giochi tutto il giorno col cellulare e non sudi mai così non ti ammali!”.

    Sarà questa, la differenza tra generazioni supernutrite e magre, e generazioni in perenne dieta e con i rotoli di ciccia che strabordano?

    • Avatar

      In effetti dare la colpa solo al cibo (per qualità, quantità e varietà) è riduttivo, dal momento che l’obesità è una patologia ‘prismatica’, dalle varie sfaccettature. Diciamo che l’ambiente obesogeno si distingue anche per le abitudini e stili di vita non propriamente virtuosi e sconosciuti ai tempi nostri (sigh!) come la ridotta attività motoria spontanea quotidiana e uno stress infantile mutuato spesso da quello adulto.