Home / Allerta / Atropina in alimenti biologici per bambini e allergene non dichiarato in filetti di merluzzo… Ritirati dal mercato europeo 52 prodotti

Atropina in alimenti biologici per bambini e allergene non dichiarato in filetti di merluzzo… Ritirati dal mercato europeo 52 prodotti

baby food atropina
Atropina in alimenti biologici per bambini al miglio, miglio e riso e miglio – mela e pera

Nella settimana n°50 del 2014 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi sono state 52 (6 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

 

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: presenza non dichiarata in etichetta di crostacei in filetti di merluzzo impanati dalla Germania; atropina in alimenti biologici per bambini al miglio,  miglio e riso e miglio – mela e pera, prodotto in Germania e Svizzera e distribuito in 36 Paesi. Come già segnalato da Il Fatto Alimentare (leggi dettagli) si tratta dei prodotti dell’azienda svizzera Holle: Bio Pappa di miglio Holle, partita L13219, da consumarsi preferibilmente entro il 30.04.2015; Bio Pappa di miglio con riso Holle, partita L14103, da consumarsi preferibilmente entro il 30.11.2015. Mentre in Italia non è distribuito il prodotto miglio – mela e pera.

 

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: eccesso di solfiti in gamberetti refrigerati dalla Croazia; presenza di Escherichia coli in mitili vivi (Mytilus galloprovincialis) dalla Spagna.

 

pesce merluzzo fritto 140050380
Presenza non dichiarata in etichetta di crostacei in filetti di merluzzo impanati dalla Germania

Tra i lotti respinti alle frontiere l’Italia segnala: residui di pesticida (iprodione) in mandorle con guscio dagli Stati Uniti; micotossina (deossinivalenolo, DON o vomitossina) in grano duro dalla Russia; sostanza vietata (residui di farmaci veterinari: nitrofurano – metabolita, nitrofurazone – SEM) in filetti congelati di pangasio dal Vietnam.

 

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, l’Austria segnala residui di pesticida (dimetoato) in fichi e la Slovacchia segnala eccesso di nitrati in spinaci.

 

Valeria Nardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Non c’è tempo da perdere: le Nazioni Unite chiamano all’azione contro l’antibiotico-resistenza

Non c’è tempo da perdere. Non poteva essere più chiaro di così il titolo di …

Un commento