Home / Pianeta / Api: quando non uccidono, i pesticidi neonicotinoidi danneggiano l’olfatto. I risultati di uno studio dell’Università di Trento pubblicato su Scientific Reports

Api: quando non uccidono, i pesticidi neonicotinoidi danneggiano l’olfatto. I risultati di uno studio dell’Università di Trento pubblicato su Scientific Reports

api fiori miele 461839953
I pesticidi neonicotinoidi a basso dosaggio danneggiano l’olfatto delle api, compromettendo la comunicazione

Uno studio dell’Università di Trento, pubblicato su Scientific Reports, ha rilevato le concentrazioni di pesticidi neonicotinoidi nel cervello delle api e ha scoperto i danni che provocano anche a dosi inferiori rispetto a quelle letali. I ricercatori del laboratorio di neurofisica hanno identificato una perdita dell’olfatto, oltre che della memoria e dell’orientamento negli insetti esposte al pesticida. L’alterazione dell’olfatto delle api può compromettere la comunicazione e di conseguenza causare il collasso dell’intera colonia.

L’insetticida neonicotinoide più usato al mondo è l’imidaclopril, un derivato, appunto, della nicotina introdotto negli anni Ottanta come sostituto del DDT. Negli ultimi anni, l’esposizione a questi pesticidi è considerata una delle possibili cause del declino della popolazione mondiale di api e insetti impollinatori, e per questo sono stati regolati in maniera sempre più stringente sia a livello nazionale che comunitario. «I principi attivi di questo tipo di pesticidi – spiega Albrecht Haase del C interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) – sono altamente neurotossici: si legano ai recettori della nicotina nelle sinapsi e bloccano il trasporto delle informazioni a livello cerebrale.»

api, fiori-144800666
I risultati dello studio fanno pensare che le restrizioni attuali non siano sufficienti a tutelare gli insetti impollinatori

Questo studio fa scattare, quindi, un campanello d’allarme: con la scoperta che i neonicotinoidi sono pericolosi per le api anche a basso dosaggio, le restrizioni imposte dalle normative sembrano inadeguate a tutelare gli insetti impollinatori. Lo dimostrano gli elevati livelli di assimilazione del pesticida registrati nel cervello delle api. È anche possibile che il problema derivi dal mancato rispetto dei limiti da parte degli agricoltori, dall’esposizione per altre vie e dalla persistenza del pesticida nell’ambiente.

Lo studio è stato realizzato utilizzando innovative tecniche di imaging e proseguirà valutando anche gli effetti dei pesticidi neonicotinoidi sul comportamento delle api, sia in laboratorio che in ambiente.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

I sacchetti in bioplastica potrebbero influire sulla germinazione (se non smaltiti correttamente): criticità sulla metodologia dello studio scientifico

In seguito alla pubblicazione dello studio inglese secondo cui le plastiche biodegradabili non sarebbero soggette …

Un commento

  1. non resta che bandirli al più presto, ma, per favore, non lasciamo che la loro sostituzione venga gestita dai soliti noti (Monsanto & C.)