Home / Pianeta / Api a rischio e con loro anche la produzione alimentare. La petizione di Greenpeace

Api a rischio e con loro anche la produzione alimentare. La petizione di Greenpeace

Greenpeace ha lanciato una campagna per chiedere al Governo italiano e alla Commissione Europea di prendere efficaci e rapidi provvedimenti per tutelare la salute delle api. Il ruolo di questi insetti è fondamentale per l’equilibrio degli ecosistemi ma anche per la produzione alimentare e quindi per l’economia. L’84% delle specie coltivate nell’Unione Europea dipendono dall’impollinazione degli insetti, come ad esempio mele, fragole, pomodori e mandorle.

Dagli anni ’90 si è notato un preoccupante declino delle api, che purtroppo non si è ancora arrestato. I fattori indicati dagli esperti sono molteplici, e agiscono singolarmente o in combinazione fra loro. Fra i più importanti l’uso di pesticidi, la perdita di habitat naturali, malattie e parassiti e i cambiamenti climatici.

api 475467613Tra i pericoli diretti ci sono alcuni pesticidi chimici, in particolare i neonicotinoidi. L’Unione Europea nel 2018 ha messo al bando tre insetticidi di questa categoria, l’imidacloprid e il clothianidin della Bayer e il tiamethoxam della Syngenta. Ma è ancora consentito l’uso di altri neonicotinoidi come acetamiprid e altre sostanze quali sulfoxaflor, flupyradifurone, cipermetrina, deltametrina e clorpirifos.
L’eliminazione di queste sostanze sarebbe il primo e più efficace passo da adottare per difendere gli impollinatori.

La richiesta di Greenpeace alle istituzioni si articola in tre punti chiave:
– bandire l’uso di tutti i pesticidi dannosi per le api e gli altri insetti impollinatori
– applicare rigidi standard per la valutazione dei rischi da pesticidi
– aumentare i finanziamenti per la ricerca, lo sviluppo e l’applicazione di pratiche agricole ecologiche

Per sostenere la campagna si può firmare la petizione qui.

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

galline uova gabbia

Benessere animale, in Italia il 75% degli animali è ancora allevato nelle gabbie. Ma soluzioni alternative sono possibili

Il nostro paese non è in buona posizione per quanto riguarda il benessere animale: dei …

3 Commenti

  1. Avatar

    Le api non sono in declino né in Italia né nel resto del mondo, basti guardare i dati FAO. Che soffrano di molte malattie aggressive e parassiti è vero, ma c’è un ricambio che ogni anno supera le perdite. Attribuire i problemi delle api agli agrofarmaci è sport molto diffuso ma i fatti sono che oggi si usano molecole molto meno tossiche, più selettive ed in quantità minori rispetto ad alcuni decenni fa. L’articolo riporta quanto scritto nella petizione che contiene errori e non è aggiornata. Ridicolo chiedere il bando di molecole già revocate, come thiacloprid e clorpirifos. Sciocco definire neonicotinoidi molecole che tali non sono, ad esempio flupyradifurone (ma sì, fa più scena, il termine neonicotinoide è diventato uno spauracchio anche se in questa famiglia ci sono molecole tossiche per le api – già bandite – e altre che lo sono molto meno). Mi sorprende come Il fatto alimentare dia voce a fake o cattiva informazione di Greenpeace mentre al contrario si distingue dal pensiero corrente per fare emergere le falsità ad esempio sui grani di importazione.

    • Valeria Nardi

      Gentilissimo Giovanni, grazie per la correzione sugli antiparassitari, abbiamo corretto. Per quanto riguarda la moria delle api sono decine gli studi che dimostrano un nesso tra uso di pesticidi e moria delle api. Anche la Fao ne parla con toni preoccupati: ” The diversity of food available is largely owed to animal pollinators. But alarmingly, in a number of regions, pollination services are showing declining trends. In the past, this service was provided by nature at no apparent cost. As farm fields have become larger, agricultural practices have also changed, focussing on a narrower list of crops and increasing the use of pesticides. Mounting evidence points to these factors as causes to the potentially serious decline in populations of pollinators. The decline is likely to impact the production and costs of vitamin-rich crops like fruits and vegetables, leading to increasingly unbalanced diets and health problems, such as malnutrition and non-communicable diseases.” http://www.fao.org/pollination/background/bees-and-other-pollinators/en/

  2. Avatar

    Ciò che è bene o male da un pò di tempo non stà più racchiuso preziosamente nel bugiardino di nessuna sostanza pesticida ,secondo i produttori le cose sono sempre paradisiache basta rispettare le istruzioni e tutto dovrebbe essere a posto nel rispetto dei criteri che sono naturalmente sempre in ritardo rispetto alle ultime novità commercializzate.
    E’ uno schema sempre valido ma quando gli studi sono indipendenti dal produttore qualche problema salta fuori.
    Possiamo vederla anche così , sono le api ad essere colpevoli di posarsi su vegetali trattati con prodotti diversi , che si potenziano fra di loro con l’effetto che vediamo , allora dovremo dire agli insetti di stare attenti……..

    https://magazine.unibo.it/archivio/2019/12/10/declino-delle-api-e-uso-dei-pesticidi-per-una-migliore-valutazione-del-rischio-ambientale

    Se non piace la parola di greenpeace ci sono altre testimonianze neutrali che più diplomaticamente evidenziano lacune nei regolamenti e pericoli nelle combinazioni inevitabili tra prodotti diversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *